Ma chi erano le janare?

di Franco Valente [1]
Credo che molti di noi si siano chiesti chi sono le janareSe cercate su google esce una quantità di luoghi comuni su presunte analogie tra le janare e le streghe di Benevento.
Niente di più generico, superficiale e, soprattutto, deviante. La streghe sono una cosa e le janare sono un’altra.
Per quante ricerche io abbia fatto non sono riuscito a trovare un solo documento anteriore al XIX secolo che parli di janare. Questo mi fa ritenere che esse siano un’invenzione abbastanza recente fatta quando qualcuno ha associato le janare alle streghe e,  conseguentemente, alcuni presunti comportamenti di presunte streghe sono stati attribuiti alla janare.
Sono convinto che le cose stiano diversamente.
Il più importante dizionario storico della lingua italiana è quello di Salvatore Battaglia che non riporta il termine janaraIl che mi fa sospettare che il suo significato e la sua origine sia tutt’altra rispetto a quella banalmente riportata dai social network.

Ho consultato, per i motivi più diversi, centinaia di testi medioevali e una sola volta ho trovato il termine di janara. Si tratta di un codice di Montecassino del 1064, che riguarda i confini del Monastero di S. Marco di Carpinone, riportato da E. GATTULA, (Historia, Venezia 1733, p.228) , ma estratto dal Registro di Pietro DIACONO:

“et de Carpenona, et cum ascenderit per ipsum rivulum, et vadit per pede de Guastu, et per directe salierit IN BALLE JANARA in cacumine ipsum mons, de quarta namque pars per ipsus monasterii habet fine territoria de Fresolone…”
Nel 1064, dunque, tra Carpinone e Frosolone esisteva una “valle delle Janare”.
Ho il sospetto che si tratti semplicemente di un toponimo che ricordi l’esistenza in quel luogo di un culto per Diana perché le Janare non erano altro che le sacerdotesse di Diana. Cioè le “Dianare”, protettrici dei bambini che avevano il “mal della luna”, detto pure il “mal sacro”, ovvero l’epilessia.
La Dianare, essendo sacerdotesse di Diana, avevano come simbolo la mezza luna crescente.

Nel medioevo cristiano il culto per Diana, protettrice del mal della luna, fu sostituito da quello per S. Donato che, non a caso, è il protettore dei bambini malati di epilessia ed è rappresentato con gli abiti vescovili mentre tiene in mano un evangelo con una mezza-luna crescente sovrapposta.

[1] Franco Valente ama la storia, l’arte, l’architettura e le tradizioni. Disprezza coloro che vivono di rancori personali utilizzando la politica per vendicarsi di questioni individuali mascherate da interessi sociali.

Editing: Francesco Di Rienzo
Copyright: Franco Valente

About Francesco Di Rienzo

Francesco Di Rienzo è nato a Napoli da genitori capracottesi. Lavora come responsabile dell'ufficio stampa di una delle più importanti società italiane nel settore dei beni culturali. Conduce da circa 25 anni studi e ricerche su Capracotta e sull'Alto Molise. Eletto nel Consiglio Direttivo del CAST ALMOSAVA il 21 settembre 2012, è uno dei fondatori dell'Associazione "Amici di Capracotta", di cui ricopre attualmente l'incarico di segretario. È autore di diverse pubblicazioni sulla storia e sulle tradizioni di Capracotta. È socio della Società Napoletana di Storia Patria

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.