Leonzij’ (Leonzio) seva sciut’ dalla candin’ ch’ chella sera……..

6
955

di Massimo Balzano [1]

 (Questo fatto, realmente accaduto, ve lo racconto perché a me molto caro, essendo Leonzio e Mariuccia i nonni di mio padre e perché la storia, tramandata da coloro che ormai sono nella pace di nostro Signore, è stata raccolta non so come e riportata dal mio amico e compare Tommaso Marzano in uno dei suoi bellissimi libri di storia castellana, insieme a tante altre altrettanto divertenti).

Leonzij’ (Leonzio) seva sciut’ dalla candin’ ch’ chella sera s’seva fatt’ cchiù tard e z’aveva fatt’ nù quartucc’ dd’ cchiu’ .

Leonzij z’aveva fatt’ nù quartucc’ dd’ cchiu’

Leonzij seva nù bbone uaglion’, fatijatore e brav’artiggian ma, ch’uòfà, la sera l’unic’ modo d’ z’ svagà nu pò le cervella sevan la partita a scopa e l’amic alla candina. Accuscì, nu poc’ a mmusciajatta, z’avviatt’ pé c’nì alla casa. A nu ciert pund sentette nu muors a ‘llù stomac’ e penzatt’ : “Teng’ nà fam’, ma a cchest’ora addò vad a cercà cacc’osa da magnà?”

Leonzij: “Teng’ nà fam’

Pò c’arrepenzatt’ n’coppa: “ Leò, sa ch’ vuò fa? Và a bussà a Mariuccia tua…”. Mariuccia seva na bbrava giovin’ che faceva l’amor’ co Leonzij e sevan propia dduje bell’giovan (senza mancamend!). Leonzji, allora z’fermatt sott’ alla f’nesctra di Mariuccia e ncum’nzatt’ a tirà r’sassulin mbaccia a r’ vetr’. A nu ciert pund, e daji e daji, s’affaccia Mariuccia e r’ fa:” Uhà Leò, e cché t’si mabazzut ?” “E a che modo sì criat cà m’viè a c’mndà alle nove d’ serà?”

Mariuccia mia

E quill’ da sott’ :”Mariu’, scusa, amore mia bb’n’ditt ! N’n t’ so venut’ a c’mndà. M’ serve n’ach (un ago) cà m’ c’n’ calan’ r’ cavzun ! E a chi vad a chiede n’ach’ d’ nott’ ? Sol’ a Mariuccia mia !” E lei, intenerita:” Uha Leonzji mia! Scine, ca te l’ vuoj dà l’ach…………ma se te l’jett’ da la fnesctr andò l’viè a rtruà, ca è nott’ ? E lui, pronto: “ Mariù, sa ch’ vuò fa ? Appundal mbaccia a na jeca d’ savcicc’!”.

_____________________________
[1] Massimo Balzano Abruzzese di Castel di Sangro, dove vive, ha studiato alla Federico II di Napoli, conseguendo la Laurea in Ingegneria Chimica. Libero Professionista e Ingegnere chimico presso “altosangroambiente” srl.

Copyright Altosannio Magazine
Editing: Enzo C. Delli Quadri 

6 Commenti

  1. Geniale sì, sig.ra Flora. Pensi che questo ragazzo nella seconda metà dell’ottocento, ebbe la determinazione di dare al suo paese una fornace per laterizi che ha prodotto manufatti in cotto di grande qualità fino ad inizio anni sessanta; un’officina meccanica che copriva le necessità di buona parte dell’allora Diocesi di Trivento e con maestranza provenienti dall ‘intero territorio; entrambe le attività potenziate e portate avanti dai suoi familiari per due generazioni;un commercio di materiali edili di cui resta ancora qualcosa a Castel di Sangro. Gli anni del boom decretarono la fine di tutto ciò, ma la memoria di quest’uomo resta viva e mi onora riempiendomi d’orgoglio. Mi riempie d’amarezza che nella nostra terra ALMOSAVA giovani con altrettanto spirito d’iniziativa non possano oggi esprimerla con altrettanto vigore. Il vento dovrà cambiare…….

    •  Caro Massimo,
      il racconto parla di un tempo in cui l’ingegno e l’intelligenza portavano a soluzioni dagli esiti inaspettati, che, se da una parte ci fanno sorridere dall’altra ci fanno riflettere sulle capacità e sagacia dei nostri avi. Oggi, noi come i nostri ragazzi, abbiamo perso quello spirito di ricerca e innovazione che hanno permesso a persone come Leonzji di emergere e costruire il proprio futuro e quello delle generazioni seguenti.

  2. il MEZZO che diventa il FINE! bell’accoppiata: sagacia e intelligenza! sorriso e riflessione! apprendimento e insegnamento! il fine giustifica i mezzi ecc ecc bella storiella!
    Un po’ faticosa da leggere in dialetto, nonostante quello del mio paese sia simile e forse ancor più difficile da scrivere e anche da leggere! Io ora ho modificato alquanto la scrittura se scrivo in dialetto; se non c’ è la traduzione si perde tempo e il significato, diluito e stentato, poi si gusta meno…

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.