Le pellone ovvero La grande sbornia – Poesia di Tiberio La Rocca

0
1058

Con questa sua poesia  Tiberio La Rocca [1] ha vinto il primo premio al concorso indetto dall’amministrazione comunale di Tollo (CH), intitolato “Il sapore goliardico del vino”.

 

LE PELLONE

Mamma meia che pellone
c’acchiappatte l’aldra sera,
ma n-te diche nnè chi era,
nnè ndo steva gna veveva.

Ne segrete nen ze dice,
n-za racconta e se pecchè
ne pellone né ne scherze,
ne le piglia chi è è.

Ma la pelle va spiegata
e ce vò ne prefessore,
che canosce e l’ha prevata,
l’acchiappata a tutte l’ore.

Va spiegata se pecchè,
ne nn’esiste una soltante
se t’assiett e mitt’ abbeve,
una a una te le cante.

Ce sta chella che fa ride,
ride ride e n-ze pcchè
mentre ride angora vive,
può t’adduorme e nen fe ghè.

Ce sta chella chiagnarella,
ma ne nnè pe chi è è,
une suole ne canosche
che l’acchieppa e…. ze la tè.

Una che esce sempr bbona,
è la pelle n –chembagnia
ce vò sole na chetarra,
vine bbuon’ e….fantasia.

Ma ia veve chiene chiene,
ne becchiere e na candata
tia ngallà pruopria a la fine,
gn’è fenuta la serata.

Una bella veramende,
è la pelle ballerina
va acchiappata a le veglione,
da la sera a la matina.

Tra le pielle è la chiù bella,
ma ia veve pruopria assè,
vine, birra, le liquore
e …n’anne va e n’anne vè.

Pure che la passatella
ne pellone ce pò scì,
ma la birra né le vine,
mmalamente ve fenì.

Une che canosche i,
biv e biv a le Meline,
le perterne all’ospedale
iuste gna ne manichine.

Ma la pelle chè cchiù bella,
ecche te la diche i
è la pelle ch’ia acchiappà,
chella che sta pe menì.

E allora mitt’a bbeve
e vevemme tutte e ddù,
acchiappamme ne pellone
e…nen ze ne parla cchiù.

 

LA GRANDE SBORNIA

( la traduzione non rende al meglio il senso della poesia)

 Mamma mia che sbornia,
che ha preso l’altra sera
ma non ti dico né chi era,
né dove stava quando ha bevuto.

Un segreto non si dice
non si racconta e sai perché
una sbornia non è uno scherzo,
e non la prende uno qualunque.

Ma la sbornia va spiegata,
e deve farlo un professore
che la conosce e l’ha provata,
l’ha presa a tutte le ore.

Va spiegata e sai perché,
non ne esiste una soltanto
se ti siedi e versi da bere,
una ad una te le canto.

Ci sta quella che fa ridere,
ridi, ridi senza un perché
mentre ridi bevi ancora,
poi ti addormenti senza fare guai.

Ci sta quella che fa piangere,
ma è per pochi eletti
uno soltanto ne conosco,
che la prende e se la tiene.

Una che esce sempre bene,
è la sbornia in compagnia
serve solo una chitarra,
vino buono e..fantasia.

Ma bisogna bere piano piano,
un bicchiere ed una cantata
devi ubriacarti proprio alla fine,
quando è finita la serata.

Una bella veramente,
è la sbornia ballerina
che va presa la sera del veglione,
dalla sera alla mattina

Tra le sbornie è la più bella,
ma bisogna bere davvero tanto
vino, birra e di liquori
e un anno va via ed uno arriva.

Pure giocando a carte,
ci si può ubriacare
ma la birra non è come il vino,
si può finire male.

Uno di mia conoscenza,
bevendo al bar “il Mulino”
dovettero portarlo in ospedale,
afflosciato, sembrava un manichino.

Ma la sbornia ch’è più bella,
ora te la dico io
è la sbornia che ancora devi prendere,
quella che sta per arrivare.

Ed allora versa da bere,
e beviamo tutti e due
prendiamo una bella sbornia,
e non parliamone più.


___________________________________
[1] Tiberio La Rocca, Molisano di Poggio Sannita (IS), coltiva da sempre la passione per la poesia e in particolare per il dialetto di origine; ha pubblicato molte raccolte di poesie, con le quali ha ottenuto riconoscimenti e premi.

[divider]

Musica: tango.beguine  Notte Latina
Editing:
Enzo C. Delli Quadri

[divider]

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.