“Le ballecone” Il Balcone – Video Musicale

0
533

“Le ballecone”

Canzone presentata da Poggio Sannita  al 23° Festival Canzone Dialettale Molisana tenutosi a Gambatesa 11 e 13 agosto 2012

Versi di Tiberio La Rocca, Musica di Fantilli

Le ballecone

Se te mitte loche n-gima
e tamiende attorne a te
Sembra ca ste n-paradise
che bellezza, guorda, edè.

Guorde e vide Castellucce,
la campagna e le Verrine
Capracotta e la mendagna,
juste Agnone è n’ammeìne.

Patreterne che bellezza,
è na cosa da mbazzì,
sole mo mene so ‘ccuorte
e le vuoglie pruopria di.

Nu tenémme na furtuna,
semme nate a Caccavone,
pe sta buone n-ce vuò niente,
po bastà nu ballecone.

Nu tenémme na furtuna,
semme nate a Caccavone
e n-gima a stu ballecone,
nu becchiere e na canzone.

La frase della canzone “iuscte Agnone è n’ammeine ” che significa “solo Agnone è un ostacolo in tutta questa bellezza “, sta a significare che Agnone, con la Ripa così prominente, interrompe la visione della valle. Non altro.

 

Il Balcone

Se ti piazzi lassù in cima
Ed osservi attorno a te,
Sembra stare in Paradiso,
che bellezza, guarda, guarda.

Guarda e vedi Castelluccio,
la campagna e il Verrini,
Capracotta e la montagna,
solo Agnone fa da ostacolo.
Padreterno, che bellezza,
è una cosa da impazzie,
solo ora me ne accorgo
e lo voglio proprio dire.

Noi abbiamo una fortuna,
siamo nati a Caccavone,
per star bene serve niente
può bastar sol un balcone.

Noi abbiamo una fortuna,
siamo nati a Caccavone,
e là sopra a quel balcone
un bicchiere e una canzone

 


Copyright Altosannio Magazine
Editing: Enzo C. Delli Quadri 

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.