Home / Cronaca / Attualità / L’Altosannio a difesa dell’Ospedale Caracciolo di Agnone – Lunedì 23 febbraio

L’Altosannio a difesa dell’Ospedale Caracciolo di Agnone – Lunedì 23 febbraio

L'Ospedale Caracciolo - Ospedale della Diocesi di Trivento e dell'Altosannio
L’Ospedale Caracciolo – Ospedale della Diocesi di Trivento e dell’Altosannio

OSPEDALE Caracciolo, Agnone chiama a raccolta le Amministrazioni del bacino d’utenza: Lunedì 23 Consiglio comunale con la partecipazione dei Sindaci dell’area montana a cavallo di Abruzzo e Molise. Proposta una lettera congiunta ai Presidenti delle due Regioni e al Ministro della Salute.

Una mossa che sa di volontà di non arrendersi e che chiama a raccolta tutto un territorio, indipendentemente dalla regione di appartenenza. Visto l’ormai chiaro e non accettato orientamento dell’Asrem in materia di riconversione dell’Ospedale San Francesco Caracciolo, l’Amministrazione comunale di Agnone sceglie la strada del compattamento territoriale mirata a esprimere la più forte pressione possibile nei confronti dei vertici politici nazionali e regionali. L’obiettivo è quello di ottenere in via ufficiale e definitiva il riconoscimento del nosocomio quale Presidio Ospedaliero di Zona Particolarmente Disagiata

Lunedì 23 il Consiglio Comunale chiamato a riunirsi in sessione straordinaria e urgente, vede invitati tutti i Sindaci delle aree Alto Molise, Alto Vastese e della Media e Alta valle del Trigno, chiamati non solo a segnare la presenza ma come partecipanti attivi alla seduta. Durante il Consiglio, infatti, i primi cittadini dei comuni a cavallo fra Abruzzo e Molise potranno portare le istanze delle popolazioni e delle Amministrazioni rappresentate facendo sentire ufficialmente la loro voce nell’Assemblea comunale agnonese. Un contributo prezioso e istituzionale che si tradurrà anche in un atto formale: la firma di una lettera congiunta (la cui bozza da discutere in Consiglio è stata già recapitata ai Sindaci) destinata ai Presidenti di Abruzzo e Molise e al Ministro della Salute On. Beatrice Lorenzin.

Tutta l’azione, si ripete, è principalmente mirata a far riconoscere il San Francesco Caracciolo come Presidio Ospedaliero di Zona Particolarmente Disagiata.

“Proprio la tutela del diritto alla salute – si legge in uno stralcio della lettera sottoposta alla firma dei Sindaci – è oggetto di pregnante riconoscimento costituzionale e perciò impone che sia autorizzata e prevista la costituzione nell’ospedale “San Francesco Caracciolo” di un presidio ospedaliero con pronto soccorso h24”.

L’appuntamento per Sindaci, associazioni e cittadini è perciò per i lunedì 23 presso la Sala Consiliare del Comune di Agnone a Palazzo san Francesco – inizio ore 16.30 – dove si annuncia una importante svolta nelle azioni del territorio con l’adesione ufficiale – si auspica – del maggior numero di Amministrazioni locali a favore di questa battaglia per il diritto alla salute e alla sicurezza di chi abita le nostre zone montane.

About Enzo C. Delli Quadri

Agnonese, ex Manager Aziendale, oggi Presidente dell' Associazone ALMOSAVA-ALTOSANNIO (alto molise sangro vastese), da molti anni è impegnato a divulgare l'importanza della RIAGGREGAZIONE di questo territorio, storica culla dei Sanniti che , 50 anni fa, fu smembrato e sottoposto a 4 province e 2 regioni, contro ogni legge morale, economica e demografica.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.