L’Altosannio a difesa dell’Ospedale Caracciolo di Agnone – Lunedì 23 febbraio

0
465
L'Ospedale Caracciolo - Ospedale della Diocesi di Trivento e dell'Altosannio
L’Ospedale Caracciolo – Ospedale della Diocesi di Trivento e dell’Altosannio

OSPEDALE Caracciolo, Agnone chiama a raccolta le Amministrazioni del bacino d’utenza: Lunedì 23 Consiglio comunale con la partecipazione dei Sindaci dell’area montana a cavallo di Abruzzo e Molise. Proposta una lettera congiunta ai Presidenti delle due Regioni e al Ministro della Salute.

Una mossa che sa di volontà di non arrendersi e che chiama a raccolta tutto un territorio, indipendentemente dalla regione di appartenenza. Visto l’ormai chiaro e non accettato orientamento dell’Asrem in materia di riconversione dell’Ospedale San Francesco Caracciolo, l’Amministrazione comunale di Agnone sceglie la strada del compattamento territoriale mirata a esprimere la più forte pressione possibile nei confronti dei vertici politici nazionali e regionali. L’obiettivo è quello di ottenere in via ufficiale e definitiva il riconoscimento del nosocomio quale Presidio Ospedaliero di Zona Particolarmente Disagiata

Lunedì 23 il Consiglio Comunale chiamato a riunirsi in sessione straordinaria e urgente, vede invitati tutti i Sindaci delle aree Alto Molise, Alto Vastese e della Media e Alta valle del Trigno, chiamati non solo a segnare la presenza ma come partecipanti attivi alla seduta. Durante il Consiglio, infatti, i primi cittadini dei comuni a cavallo fra Abruzzo e Molise potranno portare le istanze delle popolazioni e delle Amministrazioni rappresentate facendo sentire ufficialmente la loro voce nell’Assemblea comunale agnonese. Un contributo prezioso e istituzionale che si tradurrà anche in un atto formale: la firma di una lettera congiunta (la cui bozza da discutere in Consiglio è stata già recapitata ai Sindaci) destinata ai Presidenti di Abruzzo e Molise e al Ministro della Salute On. Beatrice Lorenzin.

Tutta l’azione, si ripete, è principalmente mirata a far riconoscere il San Francesco Caracciolo come Presidio Ospedaliero di Zona Particolarmente Disagiata.

“Proprio la tutela del diritto alla salute – si legge in uno stralcio della lettera sottoposta alla firma dei Sindaci – è oggetto di pregnante riconoscimento costituzionale e perciò impone che sia autorizzata e prevista la costituzione nell’ospedale “San Francesco Caracciolo” di un presidio ospedaliero con pronto soccorso h24”.

L’appuntamento per Sindaci, associazioni e cittadini è perciò per i lunedì 23 presso la Sala Consiliare del Comune di Agnone a Palazzo san Francesco – inizio ore 16.30 – dove si annuncia una importante svolta nelle azioni del territorio con l’adesione ufficiale – si auspica – del maggior numero di Amministrazioni locali a favore di questa battaglia per il diritto alla salute e alla sicurezza di chi abita le nostre zone montane.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.