L’acca de Treviènde – L’Acqua di Trivento

2
893

Angelo Iavicoli, con questa poesia, esalta la freschezza dell’acqua del Trigno, la bellezza delle montagne che lo circondano, la generosità della gente di Trivento (mièse a ‘sta gènte, fatiatrice e bona).

trigno-3

 

L’acca de Treviènde

Sémbra ca te pjèce
sta’ sotte terra
acca benedetta
de Treviènde
pecché sijè bona
e pelita
sijè pura
coma ‘na vagliona
de campagne
Ma sijè cheriosa
de sapé
che ze fa ecche tra la gente
‘ncima a le pajése

Ogne tante,
‘n co’ luoche
do’ nen ce sta nesciune
tu, de nascuoste
t’affijècce,
dijè ‘n’ecchijèta
e dice :
“Come so’ bèlle
ste mentagne vérde,
ste cijéle azzurre
e custe vendecijélle!”
Tu, pe la chententézza
nen te mantié cchiù,
sijèlde neccone pe d’aria
e arrechijésche ‘n dèrra.

Lecènde e frésca
te fijè accarezzà
da le rijègge de le sole
che tu nen zi’ viste mijè
“Coma è bèlla chélla cosa
che me fa trasparènte
So’ sentute
ca è le sole!
None, none
è troppe bijèlle,
forse, isse è Dijè!
Coma ze sta buone
all’aria aperta!
Nen vûoglie arreije
cchiù èlle
sotta a la tèrra
e arremané nascosta.”

Arriva ‘n’ommene
seduate e stracche.
Z’agghenocchia…
“None, none,
vecchiarijèlle mijè,
‘n dda’ghenecchie
ijé, nen so’ Dijè.,
Culle m’attamènde.
e ride,
me dà ne vuasce,
z’assuca le sedor
e ze ne va.

 Mamma terra,
ijè, arremanche a ecche,
mièse a ‘sta gènte,
fatiatrice e bona.
Puo vûoglie arracchentà,
pure a le sore mé
chiste bellézze
e di’ c’anna sci’
pe’ le vedè.
Anna vedé Treviènde!
e pûò’, pònne i’
do’ vònne,
pure a le fiume
p’arretrevà le mare!”

L’Acqua  di Trivento

Sembra che ti piaccia
stare sottoterra
acqua benedetta
di  Trivento.
perche’ sei dissetante
e trasparente
e pura
come una fanciulla
di campagna.
Ma sei curiosa
di sapere
cosa si fa tra la gente
su’, in paese.

Ogni tanto,
in un luogo,
dove non c’è nessuno,
tu, di nascosto,
ti affacci,
dai un’occhiatina
e dici:
“Come sono belle
queste montagne verdi,
questo cielo azzurro
e questo venticello!”
Tu per la gioia,
non ti sai controllare piu’,
saltelli un po’in aria
e ricadi giu’ per terra.

Luccicante e fresca
ti lasci accarezzare
dai raggi del sole
che tu non hai mai visto.
– coma e’bella quella cosa
che mi fa trasparente!
ho sentito dire
che e’il sole!.
No, no.
E’ troppo bello,
forse, lui e’Dio!.
Come si sta bene
All’aria aperta!
Non voglio tornare
piu’ la’
sotto terra
e rimanere nascosta”.

Giunge un uomo,
Sudato e stanco.
S’inginocchia.
– No, no,
vecchietto mio,
‘non inginocchiarti
io non sono Dio.
Quello mi guarda
e ride…..
Mi da’ un bacio,
si asciuga il sudore.
e se ne va.

Mamma terra,
Io rimango qui,
tra la gente,
lavoratrice e brava.
Poi voglio raccontare
pure alle mie
sorelle
le bellezze di quassu’
e dire loro che devono uscire
per vederle.
Devono vedere Trivento!
Poi possono andare
dove vogliono,
anche verso il fiume,
per ritrovare il mare!”


[1] Angiolino Iavicoli, abruzzese di Castiglione Messer Marino, sin da ragazzo mostra una particolare inclinazione verso le discipline umanistiche, in generale, e la poesia, in particolare. Vive tra Trivento (CB) e l’estero; appena può, va a ritemprare mente e cuore nel suo Abruzzo.

Copyright  Altosannio Magazine
Editing: Enzo C. Delli Quadri 

2 Commenti

  1. Un poeta i cui versi fanno sempre vibrare il cuore ed inducono il pensiero a riconoscere, in ogni traccia del Creato, la divina volontà del suo Artefice. Luigi Lozzi

  2. Ho respirato il vento e bevuto la fresca acqua di Trivento anch’io da giovanissima nei lontani anni 1956/ 1957 come collegiale nel Convitto Femminile ( C’E’ ANCORA?) Perciò condivido appieno LA BELLEZZA DEL CIELO AZZURRO E DELLE MONTAGNE VERDI che circondano la cittadina e che il poeta con estrema delicatezza – com’è nel suo stile – ha dipinto in questa trasparente poesia” pura come una fanciulla di campagna”

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.