La Storia

0
103
Scritto di Benedetto di Sciullo [1]
tratto dalla rubrica Lo spazio di tutti del sito faldus.it, editing Giovanni Mariano [2]

soldato tedesco a Fallo

La storia che segue è riportata fedelmente così come mi è stata raccontata. Tutti i personaggi sono realmente esistiti e, molti di loro, sono ancora in vita. Chi l’ha narrata l’ha vissuta in prima persona e per questo motivo, al momento del racconto, si trovava in uno stato di forte emozione. Si perdonino quindi gli eventuali passaggi poco chiari o l’apparente mancanza di un filo logico nella narrazione. Per chiarire o approfondire alcuni aspetti della storia, a volte la narrazione assume la veste d’intervista. Per motivi di privacy i nomi dei protagonisti sono stati cambiati e sono citati soltanto con l’iniziale del nome stesso.

Tutta la narrazione è la dimostrazione di come la storia, quella scritta sui libri, è vissuta in maniera più diretta e forse anche più drammatica anche da chi abita in un paese piccolo come Fallo. Di storie come quella che vi ho narrato, il nostro paese ne è pieno. Bisogna saperle cercare ed ascoltare, ma bisogna avere anche la voglia di farlo perché, troppo spesso, la storia non si vuole ascoltare, non si sa leggere o si legge in maniera sbagliata. La storia, dovrebbe servire a far capire gli errori commessi per evitare di commetterli ancora. Il titolo di un libro di Elsa Morante è proprio “La storia” e non è un caso che io a mia volta l’abbia scelto come titolo di questa narrazione. Forse perché nel retro copertina di tale libro è scritto:

NON C’É PAROLA, IN NESSUN LINGUAGGIO UMANO, CAPACE DI CONSOLARE LE CAVIE CHE NON SANNO IL PERCHÉ DELLA LORO MORTE (UN SOPRAVVISSUTO DI HIROSHIMA).

VERSIONE ITALIANA
VERSIONE DIALETTALE
Era la fine d’ottobre, i primi di novembre dell’anno 1943.
Ere la fine di uttobre li prime di nuviembre di lu mille nuviciente quarantatrè.
C’era la guerra. Ci stave la guerre.
I tedeschi erano arrivati dappertutto ed anche a Fallo. La gente era spaventata. Gli uomini per non essere presi e trascinati al fronte si erano nascosti o in campagna o nelle soffitte delle case. Una notte alcuni camion, carichi di soldati, entrarono in paese e allestirono il campo nella zona di Colle Rosso, proprio davanti casa nostra.
Li tedesche era arriviete a tutte li vie e pure a lu Falle. La iente aveve paure. L’uommne pi nin esse acchiappate e trasciniete a lu fronte zonn’ere annascuoste ‘ncampagne o sotte titte dentre a li case. Na notte cierte camie cchine di suldiete onne ntrette a lu paese e zonne mittette verse Carruscie, proprie nniente a la casa nostre.
La casa era piccola ed io avevo quattro figli piccoli. F., mio marito, era nascosto nella soffitta della casa di P. insieme con O., P. e ad altra gente. Era lì da una ventina di giorni. Giornalmente gli portavo da mangiare. I pasti erano fatti passare attraverso il camino; si faceva scendere una corda, ci si appendeva il cesto con la roba da mangiare e si diceva a chi era destinato:
La case era cirelle e i tineve quattre vagliune cirille. F., maritme, zera annascuoste sotte titte a la case di P. nziembre a O., P. e altra ggente. Stava aloche da na vintine di iuorre. Ogni iuorre i purtave a magnnè. Lu magnnè zi faceve passà pi la ciumminere; zi calave na curdelle, ci zapinneve la ceste nchi la rrobbe pi magnnè dentre e zi diceve pi chi ere.
– Questo è per F.-, – Questo è per O.-,

– Questo è per P. –

D. – Ma non uscivano mai dal loro nascondiglio? –

R. – Ogni tanto tornavano a casa, per vedere la moglie, i figli e per lavarsi. –

D. – E per andare in bagno come facevano? –

R. – C’era un grosso secchio che ogni tanto veniva svuotato e… quante n’abbiamo passate! Una volta io e L., due donne sole, andammo a piedi fino a Civitaluparella per recuperare una mula che i tedeschi si erano portata via. La guerra faceva anche questo, toglieva la ragione. Non avevamo pensato per niente ai rischi che correvamo; a quei tempi chi possedeva una mula era ricco e il sacrificio di arrivare a piedi fino a Civita non era nulla. Quando arrivammo al ponte della Valle Villacine, due tedeschi cercarono di fermarci urlando per avvisarci che la zona era minata:

– Custe è pi F.-, – Custe è pi O.-,

– Custe è pi P.-

D. – Ma non uscivano mai dal loro nascondiglio? –

R. – Ogni tante onne ariminive a la case, pi vidè la moglie, li figlie e p’allavarze. –

D. – E per andare in bagno come facevano? –

R. – Ci stave un traggne gruosse e ogni tante l’onne vuiutuave e….quante ni seme passate! Na volte i e L., du femmene, sola lore, iemme a l’appete fine a la Civite pa ripiglierze na mule chi zonne era pigliete li tedesche. La guerre faceve pure stì cose, ti luvave li cirvelle. E necca c’eravame pinzate a chille chi i puteva succede; a chilli tiempe chi tineve na mule era ricche e lu sacrificie d’arriviè a lappete fine a la Civite n’era niente. Quanne arrivemme a lu ponte di la Valla Villacine, du tedesche i vuleve firmà e alluccuave pi dicije ca ntuorre ci stave li mine:

– Mine, mine -, ma noi continuammo lo stesso. Ci avevano detto che per riavere la mula bisognava parlare con uno di quelli che comandavano, che si chiamava….eh, non mi ricordo più, e che si trovava in una delle prime case di Civitaluparella.

Arrivammo al posto che ci avevano detto: era una stanza molto grande dove c’erano tanti soldati che urlavano. Avemmo paura perché solo allora ci ricordammo che eravamo due donne sole. Ci si avvicinò un soldato giovane che aveva dei gradi sulle spalle e ci chiese cosa volevamo. Noi gli dicemmo che cercavamo questa persona perché avevamo bisogno di riprenderci la mula. Il giovanetto, indicando fuori della porta rispose:

– Mine, mine -, ma nu passemme nniente lu stesse. Ionne era ditte ca pa ripiglierze la mule avevame parlà nchi une di chille chi cummannave, chi zzi chiamave…..eh, nin maricorde chiù e zi truvave a une di li prime case di la Civite.

Arrivemme a lu puoste che ionne era ditte: ere la cambra grosse addo ci stave tanta suldiete c’alluccuave. Zi mittemme paure picchè solamente allore z’aricurdemme ca eravame du femmine sola lore. I zavvicinette nu suldate giovne chi tineve cierte grade sobbra a li spalle e iadummannette chi vulavame. Nu i dicemme ca iavame truvenne stà pirzone picchè zavevame aripigliè la mule. Lu giuvinitte, facette signe fore da la porte e dicette:

– Clì,….clì!- Non capivamo cosa volesse dirci. Lo ripeté tre o quattro volte, poi, all’improvviso, il giovane si mise in ginocchio per terra, giunse le mani, si fece il segno della croce e ripeté:

– Clì,….clì!. Nu nin capivame chi vuleva dice. L’aridicette tre o quattre volte, po’, tutt’nziembre, lu giovne zi mittette addinucchiete nterre, aggiugnette li miene, zi facette lu signe di la croce e aridicette:

-Clì-.

Capimmo che voleva dire che la persona che cercavamo era in chiesa. Ci andammo subito, ma non la trovammo. Ci fecero parlare con un altro militare con i gradi che ci fece capire, a gesti, che la mula non c’era più. L’avevano portata via.

-Clì-.

Capemme ca la pirzone chi iavame truvenne stave a la chiese. Ci iemme subbte, ma nin la truvemme. Ionne facette parlà nchi nualtre militare nchi li grade chi i facette capì ca la mule ncì stave chiù. Zi l’onne ere purtate.

Eravamo stanche. Avevamo mangiato un tozzo di pane il mattino e non ce la sentivamo di tornare a casa a mani vuote. L. ricordò che conosceva una parente della mamma che abitava lì vicino; pensammo di andare a casa sua almeno per bere un sorso d’acqua e riposare. Passammo vicino ad alcune case bruciate e ad altre cui mancavano le porte e le finestre ed arrivammo alla casa che cercavamo.
Zeravame straccate. Zeravvame maggniete nu tuozze di pane la matine e nin i diceve core d’arii a la case senza niente. L. zaricurdette ca canusceve na parente di la mamme ch’abbitave loche vicine; pinzemme di i a la casa se almene pi vevze nu mirzuglie dacche e aripusarze. Passemme vicine a cierte case abbrusciuate e a cierte chi i mancave li porte e li finestre e arrivemme a la case chi iavame truvenne.
Era una casa per modo di dire: aveva la porta sfondata ed i vetri delle finestre erano tutti rotti. Dentro ad un grosso stanzone era un enorme focolare in cui bruciava un misero fuoco di sterpi.

Su quel fuoco di streghe, era poggiata una padella bruciacchiata di cui era rimasta intatta soltanto la parte posteriore ed in cui cuocevano due patate avvizzite. Una donna vestita di cenci accudiva una ragazza cui avevano sparato ad una spalla. La ragazza era distesa su uno strapuntino in un angolo e si lamentava in maniera penosa.

Ere na case pi mote di dice: tineve la porta sfunnate e li vrite di li finestre ere tutte rutte. Dentre a nu cambrone ci stave nu fuculuare tante gruosse addò stava appicciete nu fuoche di cippitielle.

Sobbra a culle fuoche di streche ci stave appuiete na friiaove miezze abbrusciuate chi iera arimaste sane sole la parte d’arrete e dentre zi stave cucenne du patate ammuscilite. Na femmene vistute chi cierte cinciune stave curenne na vaglione chi ionne ere sparate a ‘na spalle. La vaglione stave allunguate sobbra a nu strapuntine di liette a nu curnicchie e zi lamintave chi faceve pene.

La donna riconobbe subito L., si fece dire che cosa ci facevamo a Civita e ci accolse in casa.
La femmene aricunuscette subbite L., zi facette dice chi ci faciavame a la Civite e i facette ‘ntrà.

– La madre ed il padre della ragazza sono morti con una bomba, a lei hanno sparato mentre cercava di scappare. Io sono rimasta sola perché i figli e mio marito sono al fronte. Sedetevi e riposatevi un po’, ma non ho nulla da mangiare. Posso solo darvi un po’ d’acqua –

– La mamme e lu puatre di la vaglione zè muorte nchi na bomme, a esse ionne sparate mentre stave scappenne. I so rimaste sola i picchè li figlie e maritime zi n’è jute a lu fronte. Assittatve e aripusatve na nzegne, ma nin tienghe niente da magniè. Vi pozze solamente dà na nzè d’acche. –

Bevemmo da un ramaiolo sporco e ci riavviammo per Fallo, stanche e senza la mula.
Vivemme dentre a nu maniere spuorche e zaribbiemme pi lu Falle, stracche e senza la mule.

D. – Ma stavi raccontando dell’arrivo dei tedeschi.

R. – Ah sì. Il giorno prima F. voleva tornare a casa, ma ora con l’arrivo dei soldati avevo paura che lo prendessero. Lasciai M., la più grande delle figlie, a guardare gli altri bambini ed andai a casa di P. per dire a F. di non muoversi.

D. – Ma stavi raccontando dell’arrivo dei tedeschi.

R. – Ah scine. Lu iuorre prime F. vuleve ariminì a la case, ma mò conn’ere arriviete li suldiete i aveve paure chi zi l’onne acchiappave. Lassive M., la figlie chiù grosse, a guarduà lieltre vagliune e ive a la case di P. a dice a F. di nin movze.

Meno male che avevano sentito i camion arrivare e non si era mosso dalla soffitta! Pioveva a cielo aperto. Dopo un po’ che ero rientrata sentii bussare alla porta. Andai ad aprire. Era un giovane, un soldato tedesco tutto bagnato.
Menu male ca onnere sintute li camion arriviè e nin zera muoste da sotte titte! Chiuveve a ciele apierte. Doppe na nzegne chere arrintrate sintive tupplijè a la porte. Ive a aprì. Ere nu giovne, nu suldate tedesche tutte mbusse.
– Entrare, scaldare – mi disse. Lo feci entrare.
– Entrare, scaldare – mi dicette. Lu facive ntrà
Appena entrato, si tolse la giacca tutta bagnata e l’appese ad asciugare su una sedia vicino al fuoco. Poi si sedette vicino al camino per scaldarsi.
Appena ‘ntrate, zi luvette la giacchette tutta mbosse e l’appinnete a assucuà sobbre a na segge vicine a lu fuoche. Doppe z’assittette vicine a lu fuculuare pi scallàreze.

Vide i bambini che giravano per la cucina e cominciò a fare loro un sacco di complimenti.

Chiese il nome di tutti e poi li ripeteva indicandoli uno per uno:

– C., G., V., M. –

Ad un certo punto guardò M., la più grande delle mie figlie, spalancò gli occhi e disse:

Vidette li vagliune conne ive girenne pi la cucine e cuminzette a fariie tante di chilli cumplimiente.

Addummannette lu nome di tutte chiente e doppe l’aripiteve facenne signe une pi une:

– C., G., V., M. –

A nu cierte punte guardette M., la figlie chiù grosse, allariette tante d’uocchie e dicette:

– Bella M., bella, portare a Germania con me –

– Ma c’è la guerra! –

– Dopo guerra, io porto M. con me a Germania. Oh! C. bionda. Biondo papà di C.? Dove papà di C.? –

– Al fronte. – Risposi io.

La sera, quando fu ora di mangiare, ci sedemmo tutti a tavola. L. aveva il forno e io misi in tavola il pane che ero riuscita a fare con quella poca farina che era rimasta.

– Bella M., bella, portare a Germania con me –

– Ma c’è la guerra! –

– Dopo guerra, io porto M. con me a Germania. Oh! C. bionda. Biondo papà di C.? Dove papà di C.? –

– Al fronte. – Arispunnive.

La sere, quanna fu ore di magniè, zassittemme tutti chiente a la tavile. L. tineve lu furne e i mittive sobbre a la tavile lu pane ch’ere arrisciute a fa nchi chella poca farine ch’era rimaste.

Gli dissi di sedersi a mangiare con noi. Lui sedette e tirò fuori della tasca un tozzo di pane nero. Io tagliai una fetta del pane che stavamo mangiando noi e glielo diedi.
I dicive d’assittareze a magniè nchi nu. Zassittette e caccette da la saccocce nu tuozze di pane nire. I taglive na felle di lu pane chi zi stavame magnenne nu e i lu dive.
Gli si illuminò il viso e mi chiese:
I za rischcarette la facce e m’addummannette:
– Pagare? –

Risposi – Nix – – Nix pagare, nix mangiare! –

Gli misi la fetta di pane accanto e gli feci segno di mangiarla. Da quel momento tutti i giorni veniva a casa e portava sempre qualcosa ai bambini.

– Pagare? –

Arispunnive – – Nix – – Nix pagare, nix mangiare! –

I mittive vicine la felle di lu pane e i facive signe di magniè. Da culle mumente tutti li iuorre portave sempre co cose a li vagliune.

Un giorno arrivò con una lettera in mano e con gli occhi lucidi: disse che gli aveva scritto la madre.
Nu iuorre arrivette nchi na lettere mmiene e nchi l’uocchie lucente: dicette ca iaveve scritte la mamme.
– Mamma, quando partito, hi, hi, hi.- E fece il verso di piangere.

– Germania lontana, mamma paura e piange. –

Gli chiesi – Ma il fronte dov’è? –

Sgranò gli occhi e disse: – Mamma L. – (da un po’ mi chiamava mamma) – non dire, io kaputt. –

Ma il giorno dopo mi chiamò in disparte e mi disse a bassa voce:

– Mamma L., fronte 80 chilomètr. -, poi si mise il dito sulla bocca facendomi segno di tacere.

Un altro giorno che piovigginava, si addormentò vicino al fuoco. Quando si svegliò, stirandosi, gli occhi gli andarono su per il camino e vide che c’erano appese delle salsicce. Indicando la cappa del camino disse:

– Mamma, quando partito, hi, hi, hi.- E facette a vvidè ca plagneve.

– Germania lontana, mamma paura e piange. –

I’addummannive – Ma il fronte dov’è?

– Allariette tante d’uocchie e dicette: – Mamma L. – (da na nzè mi chiamave mamme) – non dire, io kaputt. –

Ma lu iuorre appriesse mi chiamette a na vie e mi dicette zitte zitte:

– Mamma L., fronte 80 chilomètr. -, doppe zi mittette lu dite sobbre a la vocche e mi facette signe di stareme zitte.

Nualtre iuorre chi chiuvlichiieve, z’addurmette vicine a lu fuoche. Quanne z’arivigliette, mentre zi stinnicchieve, l’uocchie i iette ammonte pi la ciumminere e vidette ca ci stave appise cierte salcicce. Facenne signe ammonte pi la ciumminere dicette:

– Mamma L., talì, tutt camin. – Voleva dire che in Italia mettevano tutto su per il camino.

Gli risposi: – Camerati tedeschi, tutto porta via. – Presi una sedie e feci finta di portarla fuori della porta.

Lui mi guadò: – No, noi, no. Dopo, viene dopo chi porta via. –

E arrivarono veramente.

Un giorno all’improvviso venne a salutarci. Dovevano spostarsi verso Civitaluparella. Mi salutò quasi con le lacrime agli occhi.

– Mamma L., talì, tutt camin. – Vuleva dice ca all’Italie onne mitteve tutte cose ammonte pi la ciumminere.

I’arispunnive: – Camerati tedeschi, tutto porta via. – Acchiappive na segge e facive a vvidè ca la purtave da fore a la porte.

Mi guardette: – No, noi, no. Dopo, viene dopo chi porta via. –

E onne arrivette addavere .

Nu iuorre tutt’nziembre minette a salutuà. Z’onna aveve spustà verse la Civite. Mi salutette quase nchi li lacrime all’uocchie:

– Mamma L., grazie, io scrivo da Germania. –

– Mamma L., grazie, io scrivo da Germania. –

Salì sul camion, mi fece un ultimo saluto prima di prendere la strada per Civitaluparella e non ne ho saputo più nulla. Chi lo sa se è riuscito a tornare vivo dalla madre?
Sagliette sobbre a lu camion, mi salutette l’ultima volte prime di pigliè la vie pi la Civite e nin ni so sapute chiù niente. Chi sa s’è rrisciute a riì vive da la mamme?
Qualche giorno dopo da quando era andato via il soldato, per il paese si cominciò a dire che stavano arrivando altri tedeschi.

Co juorre doppe chi zi n’era iute lu suldate, pi lu paese zi cuminzette a dice ca onne stave arrivenne l’ieltre tedesche.

La gente impazzì completamente. Tutti cercavano di nascondere le poche cose che gli erano restate nel miglior modo possibile. La maggior parte delle persone nascondeva i mobili e la roba da mangiare a lunga conservazione, nei campi. Si scavavano certe profonde buche e dentro ci veniva nascosta la roba.

La iente z’impazzette cumpletamente. Tutte chiente onne circave d’annasconne li poche cose chi i’ere arimaste gnà meglie puteve. Quase tutta la iente annascunneve li mubbilie e la rrobbe pi maggnè chi zi mantineve di cchiù, ‘n campagne. Zi scavave cierte fuosse affunne e dentre ci z’annascunneve la rrobbe.

Mio marito era nervoso perché facevamo una continuazione a correre da una parte e dall’altra per nascondere le cose. Io cercavo di non farlo arrabbiare e gli dicevo:
Marìtime stave nirvuse picchè facevame una continuazione a i scappenne a na vie e n’antre p’annasconne li cose. I circave di nin farle arraiè e i diceve:
– Non fa niente se stiamo un po’ scomodi, basta che ne usciamo con le ossa sane. –
– Gni fa niente si stame na nzè scommete, baste chi ni scime nchi l’ossa sane –

E invece…. L’otto dicembre 1943, giorno dell’Immacolata, mi preparai per andare a messa. Avevo indossato l’unico vestito buono e le uniche scarpe che avevo conservato per le feste. S., il più piccolo dei figli, come mi vide scendere le scale, mi corse incontro sgranando gli occhi e dicendo:

E ‘mmece…. Lu otte di diciembre di lu millnuvicientequarantatrè, lu iuorre di la ‘mmaculata, mi priparive pi i a la messe. Mera misse l’uniche e sole vistite buone e l’uniche scarpe che m’ere aripuoste pi li feste. S., lu figlie cchiù cirille, gnà mi vidette scegne li schiele, mi currette ncontre scacchienne l’uocchie e dicenne:

– Quant’è bella quetta mamma mia!-

Aveva sei anni ed era il più buono di tutti. Aveva sempre fame e quando vedeva che nella credenza c’era il pane spiccava salti di gioia.

Una volta, la sera prima avevo fatto il pane e, nella credenza, c’erano tre pagnotte. Quando si alzò la mattina dopo e vide tutto quel pane, spalancò gli occhi, si fece indietro e disse:

– Quant’è belle chetta mamma me! –

Tineve sei anne e ere lu chiù bbunate di tutte chiente. Tineve sempre fame e quanne videve ca dentre a lu stipe ci stave lu pane, saltave pi la cuntintezze.

Na volte, la sera prime era fatte lu pane e dentre a lu stipe ci stave tre panielle. Quanna z’alzette la matine appriesse e vidette tutte culle pane, scacchiette l’uocchie, zi dette arrete e dicette:

– Così vorrei vedere sempre questa credenza, piena di pane. –

Quel giorno, prima che uscissi, mi venne vicino e mi diede un bacio.

Quando uscii dalla messa e tornai a casa, la trovai piena di gente. S., con altri bambini si era messo a giocare vicino al monumento. Uno di loro aveva portato qualcosa che era scoppiato. S. non si lamentava ed aveva una piccola ferita come un foruncolo, qui sotto alla gola.

– Accuscì vulesse vidè sempre cutte ttipe, cchine di pane. –

Culle iuorre, prime di scì, mi minette vicine e mi vascette.

Quanna scive da la messe e ariive a la case, la truvive chiene di iente. S. ‘nziembre nchi ieltre vagliune, z’era misse a iucuà vicine a lu munumente. Une di lore era purtate coccose chi era scuppiate. S. nin zi lamintave e tineve na frute, cirelle, gnè nu fruscele, ecche sotte, ‘nganne.

Era disteso sul letto e com’entrai mi tese le braccia e mi disse:

– Perdonami mamma, io non l’ho toccata quella cosa, è stato ***** che l’ha portata. –

Stave allunguate sobbre a liette e gnà ntrive stinnette li vracce e mi dicette:

– Pirdoneme mamme, i nin la so tuccuate chella cose, è state ***** chi l’ha purtate. –

– Non fa niente, non ti spaventare che adesso ti passa tutto. –

Chiuse gli occhi come se volesse dormire.

– Gni fa niente, n’avè paure ca mo ti passe tutte cose. –

Chiudette l’uocchie come si zi vuleve addurmì.

Cominciammo a vedere come potevamo fare per portarlo in ospedale: lo mettemmo nella culla e lo sollevammo per uscire da casa. Proprio in quel momento riaprì gli occhi e mi disse:

Cuminzemme a vidè gnà putavame fa pi purtarle a lu spidale: lu mittemme dentre a la cunele e l’alzemme pi scì da la case. Proprie nculle mumente riaprette l’uocchie e mi dicette:

– Mamma mia, io credo che ‘ttò per morire, perché quetto dolore è troppo forte. –

– Mamma me, i creca mi ttienghe murenne picchè cucchie dilore è troppe forte. –

E richiuse gli occhi. Insieme con lui morirono altri tre bambini: i due figli di ***** e *****, quello che aveva portato la bomba.

Da quel momento non mi importò più nulla della guerra, della fame e delle privazioni. Ci accontentavamo di vivere alla giornata finché la guerra finì lasciando Fallo nella povertà e nella disperazione.

E arichiudette l’oucchie. Nziembre chi isse zonne murette altre tre vvagliune: li du figlie di ***** e *****, culle ch’era purtate la bomme.

Da culle mumente nin mi nin mpurtette chiu niente di la guerre, di la fame e di li privaziune. Z’accuntintavame di campà a la iurnate finché zi finette la guerre e lassette lu Falle ‘miezze a la miserie e a la disprazione.


[1] Benedetto Di SciulloAbruzzese di Fallo (CH), libero professionista. Dedica tanto tempo alla cultura locale per mantenere concretamente vivi i palpiti di un mondo antico che accomuna tanti di noi e che, dal passato, ancora ci accarezza e ci emoziona superando oceani e continenti. Ha creato, con Giovanni Mariano, il sito www.faldus.it che celebra Fallo (CH) e i Fallesi.
[2] Giovanni MarianoAbruzzese di Fallo (CH), informatico. Cura con Benedetto Di Sciullo il sito dedicato a Fallo sapendo di fare piacere ai conterranei che apprezzano le abitudini, l’aria, i profumi dell’Alto Vastese. Ha creato, con Benedetto di Sciullo, il sito www.faldus.it che celebra Fallo (CH) e i Fallesi.

Copyright:  www.Faldus.it
Editing: Enzo C. Delli Quadri

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here