La sprànza é l bbòjn d n’améur – La speranza è il bene di un amore

0
446

di Domenico Meo[1]    Tratta da Sendemiénde de chéure  (Poesie dialettali), Agnone 1986.

              La sprànza é l bbòjn d n’améur

Reàmə
magljéatə vérd
.    
Sacr
fìc              
ch mmé sci neàt!
La fatójja
l’òssa m
vó dennucceàj.
M
mànga l’ajìut d màmma
p
deàl sfraddùtt e arscchnójt.
La sàlma m ngòll
ch
na vàrda ch sctrégn e cégna.       
Èsch
cétt la matójna:
nu m
zzétt d greàn s’àra mètr;
la sàjra, s
nn’é mbrnójte,
nn
m’artójr.
Caccàusa d
mèglj esìsct?
La sp
rànza m dójc ca sci.
Ssé ch’é lvàjr
, só cundiénd
e m
gliótt nu sapéur d flctà.
Vuóglj
p mmé
l
bbòjn d n’améur
na scràjja, na pónda, jusct
na nzé.

 

La speranza è il bene dì un amore

 

Ramo
attorcigliato verde (a tenera età).
Sacrificio
con me sei nato!
Il lavoro
le ossa mi vuole rompere.
Mi manca l’aiuto di mamma,
albero distrutto e rattrappito.
Il carico mi accollo
con un basto che stringe e lascia il segno.
Esco presto la mattina:
una misura di grano si deve mietere;
la sera, se non è tramonto,
non mi ritiro.
Qualcosa di meglio esiste?
La speranza mi dice di si.
Se ciò è vero, sono contento
e ingoio un sapore di felicità.
Voglio per me
il bene di un amore:
un po’, un po’, giusto un po’.


[1] Domenico Meo (Castelguidone 1961) risiede ad Agnone dal 1963. Da oltre venti anni si occupa di dialetto, riti, usi e tradizioni popolari. Ideatore e conduttore di programmi radiofonici sul folklore musicale, ha partecipato più volte a trasmissioni televisive della RAI.  Nel 1987 ha fondato il Gruppo Folklorico “Rintocco Molisano”. Si è aggiudicato premi di poesia dialettale in Molise, Calabria, Sicilia e Toscana e alcune sue composizioni poetiche fanno parte del II volume di Letteratura Dialettale Molisana e delle antologie poetiche (vol. II e III) curate dall’Associazione Nazionale Poeti e Scrittori Dialettali.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.