La serenata

1
725

Tiberio La Rocca [1]

La Serenata

Ecchemevì sott’a ste bballecone,
so pronde pe candarte na canzone
te vuoglie fa na bella serenata,
pecchè accscì ze fa a la nnammerata.

Pe falla menì bbona veramende,
me so pertata pure l’aldra iende
ce sta chi sona bbuone e sa candà,
accscì, ne nde può pruopria lamendà.

E allora amor mia, ecchemevì,
nù attaccamme, tu mittet’a sendì
mitte la recchia m’baccia a la fenestra,
ca sta pe chemmeiè sta bella festa.
 
E mendre nù candamme, ascold’a mme,
fa mett’a bbeve ca ce peiec’ assè,
e fa caccià le vine ruscie, forte
e nù facemme n’andre dù, tre botte.

E doppe ste canzune fa acchescì,
aiepra la fenestra ca viengh’ì,
anghien’ ammonde, te vasce e z’abbracciamme.
e può demane, …..chendiende ce spesamme.

La serenata

Eccomi qui, sotto a questo balcone,
pronto a cantarti una canzone
voglio farti una bella serenata,
perché così si fa con l’innamorata.

Per farla venir bene veramente,
ho portato con me anche altra gente
c’è chi suona e canta bene,
così non puoi lamentarti.

Ed allora amore mio eccomi qui,
noi cominciamo, tu ascoltaci
porgi l’orecchio alla finestra,
che sta per cominciare una bella festa.

E mentre cantiamo, ascolta me,
fa versare da bere, ci piace molto
e fai versare il vino rosso, forte,
e noi cantiamo ancora altre canzoni.

E dopo alcune canzoni fai come ti dico,
apri la finestra che salgo sopra
salgo sopra, ti bacio e
ci abbracciamo e poi domani … contenti ci sposiamo.

_______________________________________________
Tiberio La Rocca, Molisano di Poggio Sannita (IS), coltiva da sempre la passione per la poesia e in particolare per il dialetto di origine; ha pubblicato molte raccolte di poesie, con le quali ha ottenuto riconoscimenti e premi.

Editing: Enzo C. Delli Quadri
Copyright Altosannio Magazine 

 

1 COMMENTO

  1. Bella e piacevole questa poesia per l’argomento nostalgico –la SERENATA – ormai desueta e forse sconosciuta ai nuovi innamorati : i giovani ragazzi di oggi che si innamorano MESSAGGIANDOSI, anche con musiche certo, ma non così romanticamente sotto la finestra dell’amata, magari in un pub, in discoteca, in macchina ecc
    Però a pensarci bene l’ultima strofa colloca questa bella usanza della serenata con finale di” vino rosso”forse ancor prima della mia adolescenza, quindi un secolo fa…Perché anch’io ho ricevuto un paio di serenate, ma era puro canto, puro romanticismo…e a mala pena mi sono affacciata dietro la tendina … NIENTE DI Più era richiesto o concesso!

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.