La Salgiccia

2
838

di Tiberio La Rocca [1]

Salsicce e soppressate 2

La Salgiccia

Gna la vide bella appesa,/
che ze secca chiène, chiène/
te la guorde che na voglia,/
è gna n’uosse pe le chène!/

La può fa pruopria gna vuò,/
a zeppetta o a na vessora/
fatt’arruste a na ceniscia,/
tant’è bbona a ogne ora!/

S’è de carne, sciabbendetta,/
s’è de fecate…è speciale/
e può nziembra….avoglia a bbeve/
ca le vine…nen fa male.

Scì, le sacce è pruopria bbona/
specialmente a Caccavone
e gna fè chelle cenette,/
scappa pure cò….pellone!

Ma a la fine e che vvuò fa,/
è na bella frecatura/
se nte stè na nzegna attiente/
te ce vò na bella cura./

Se le fecate z’abbotta,
nen può veve e npuò magnè
sennò vè ffenì sterrate,
e può loche…..nchia l’è?

La Salsiccia

Quando la vedi appesa in alto,
intenta ad essiccare
la guardi con la stessa voglia,
con cui un cane guarda un osso!

Puoi cucinarla come vuoi
come zuppa o nel tegame
arrostita sulla brace del camino
tanto è buona lo stesso!

Se è di carne è benedetta,
se è di fegato è speciale
e con quel piatto ci sta bene bere,
perché il vino…non fa male.

Si, lo so, è proprio buona,
specialmente a Poggio Sannita
e mangiata nelle cene tra amici,
favorisce qualche sbornia!

Però, alla fine c’è qualche controindicazione,
ed è davvero una scocciatura
perché senza attenzione,
si rischia di finire sotto cura.

Se il fegato ne risente si gonfia,
bisogna limitarsi nel mangiare e bere
altrimenti finisci sepolto
e poi lì, nel cimitero con chi te la prendi?

 

_______________________________
[1] Tiberio La Rocca, Molisano di Poggio Sannita (IS), coltiva da sempre la passione per la poesia e in particolare per il dialetto di origine; ha pubblicato molte raccolte di poesie, con le quali ha ottenuto riconoscimenti e premi.

Editing: Enzo C. Delli Quadri
Copyright Altosannio Magazine 

 

2 Commenti

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here