Home / Cultura / Territorio / Territorio e Popolazione / Comuni dell'Alto Molise IS / La regina Giovanna la Pazza a Palazzo Bonanni

La regina Giovanna la Pazza a Palazzo Bonanni

di Maria Merola

Edificato nel XIII sec., dopo aver subito diversi cambiamenti di destinazione d’uso e rinominato Collegio Bonanni poiché, nel 1881, fu adibito a collegio e i propri allievi, erano tutti destinati alla Regia Scuola Tecnica, ritenuta già dal 1899 una della migliori esistenti in Italia. Anche Palazzo Bonanni ci riserva dei racconti.

Si dice, ma pare che sia vero, che nel 1424, la Regina di Napoli, Giovanna II detta la pazza, si recò a trascorrere un periodo di riposo in Agnone, soggiornando proprio a palazzo Bonanni, uno dei palazzi nobiliari di Agnone meglio conservato.

 

La regina non si fece scappare l’occasione di passare in rassegna tutti i giovani più belli e prestanti del luogo. Si aggiunge, inoltre, che le acque del fiume Verrino, e per sua fortuna ma anche per quella dei poveri malcapitati, la fecero rinsavire e ripartire per la sua terra.

Attualmente il palazzo resta un importante edificio storico del tessuto urbano e fortunatamente oggetto di interventi di recupero volti a farlo diventare un luogo di cultura e di attrattiva turistica.


Editing: Francesco Di Rienzo
Copyright: La Terra in Mezzo

About Francesco Di Rienzo

Francesco Di Rienzo è nato a Napoli da genitori capracottesi. Lavora come responsabile dell'ufficio stampa di una delle più importanti società italiane nel settore dei beni culturali. Conduce da circa 25 anni studi e ricerche su Capracotta e sull'Alto Molise. Eletto nel Consiglio Direttivo del CAST ALMOSAVA il 21 settembre 2012, è uno dei fondatori dell'Associazione "Amici di Capracotta", di cui ricopre attualmente l'incarico di segretario. È autore di diverse pubblicazioni sulla storia e sulle tradizioni di Capracotta. È socio della Società Napoletana di Storia Patria

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.