La notte

2
558

 Poesia di Tiberio La rocca

Poggio Sannita (Is)

La notte

La notte pe me è meglie de le iuorne,
m’addorme e me z’aiepra nuondre munne
me sonne ca sò re, sò presedende,
e ca chemmanne ncima a tanta iende.

Na notte me sennève ca era Papa…,
e m’affacciava da culle ballecone
e ca tutte chènde aremanierne brutte,
pecchè decive: «saluto Caccavone! [1]».

Ne preietone che ne cappielle ruscie,
decètte: «Santità, ma cosa ha detto?»
Iarrespennive ca z’eva scta zitte,
e che il saluto era sì perfetto!

«A Caccavone – dissi al porporato –
io ci son nato e ci sono legato
e pure adesso che sto al Vaticano,
il mio pensiero va al posto lontano».

Le preietone me garduotte sctuorte,
e disse solo: «siete in mondovisione,
per questo, tempo fa avreste avuto
davvero una gran bella punizione!».

A culle punte i m’aresvegliève,
scteva seduote e pure mpaerite
moglieme me decètte: «che se fatte?
È da nzè che simbre mbambalite».

M’arradermive senza dice niende,
e le Papa nen me le suò cchiù sennate
ma gna vaglie a San Pietro ci’arepènze,
ca nculle poscte pure i sò chemmannate!

Tiberio La Rocca – 28/01/2018

 


[1] Poggio Sannita (Is)

Editing: Enzo C. Delli Quadri
Copyright: Altosannio Magazine 


2 Commenti

  1. Così si diceva al mio paese: tre sonne le putente:lu pape, lu re e chi nnen è niente!
    In questo caso sei stato il terzo potente ,sia pure in sogno ed è stato bello!
    E con bella, simpatica ed ironica poesia l’hai raccontato, esaltando CACCAVONE!

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.