La notte

 Poesia di Tiberio La rocca

Poggio Sannita (Is)

La notte

La notte pe me è meglie de le iuorne,
m’addorme e me z’aiepra nuondre munne
me sonne ca sò re, sò presedende,
e ca chemmanne ncima a tanta iende.

Na notte me sennève ca era Papa…,
e m’affacciava da culle ballecone
e ca tutte chènde aremanierne brutte,
pecchè decive: «saluto Caccavone! [1]».

Ne preietone che ne cappielle ruscie,
decètte: «Santità, ma cosa ha detto?»
Iarrespennive ca z’eva scta zitte,
e che il saluto era sì perfetto!

«A Caccavone – dissi al porporato –
io ci son nato e ci sono legato
e pure adesso che sto al Vaticano,
il mio pensiero va al posto lontano».

Le preietone me garduotte sctuorte,
e disse solo: «siete in mondovisione,
per questo, tempo fa avreste avuto
davvero una gran bella punizione!».

A culle punte i m’aresvegliève,
scteva seduote e pure mpaerite
moglieme me decètte: «che se fatte?
È da nzè che simbre mbambalite».

M’arradermive senza dice niende,
e le Papa nen me le suò cchiù sennate
ma gna vaglie a San Pietro ci’arepènze,
ca nculle poscte pure i sò chemmannate!

Tiberio La Rocca – 28/01/2018

 


[1] Poggio Sannita (Is)

Editing: Enzo C. Delli Quadri
Copyright: Altosannio Magazine 


About Tiberio La Rocca

Tiberio La Rocca, Molisano di Poggio Sannita (IS), coltiva da sempre la passione per la poesia e in particolare per il dialetto di origine; ha pubblicato molte raccolte di poesie, con le quali ha ottenuto riconoscimenti e premi.

2 commenti

  1. Molto simpatica!

  2. Così si diceva al mio paese: tre sonne le putente:lu pape, lu re e chi nnen è niente!
    In questo caso sei stato il terzo potente ,sia pure in sogno ed è stato bello!
    E con bella, simpatica ed ironica poesia l’hai raccontato, esaltando CACCAVONE!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.