La Meta

0
716

Canzone di Tonino Belli e Leondina Crispi  dedicata al Monte Meta [1] 

Monte Meta

La Meta

Testo di Tonino Belli (1924-1974)

La Meta che uarda Alfedena
rinchiusa n’mezze a sta valle
te canta con tanta passione
surride e te canta
Uè Uè, surride e te canta 
Uè Uè, surride e te canta

Ru sciume che passa de fretta
che po’ arru sangre si jetta
te canta con tanta passione
che belle l’amore
Uè Uè, che belle l’amore 
Uè Uè, che belle l’amore

Testo di Leondina Crispi

La lune, le stelle stu ciele
che dicene quande fa notte?
te cantane tutte l’amore
de st’aria n’cantata
Uè Uè, che bella nuttata
Uè Uè, che belle l’amore

La gioia, la pena, ren’ganne,
dolore, surrise e turmente,
te scuorde uardanne e pensenne
a sta cima d’argente
Uè Uè, surrede te n’canta
Uè Uè, surrede te n’canta


[1] Il Monte Meta, 2242 m., fa parte dei Monti della Meta, sottogruppo dei Monti Marsicani che superano i 2000 metri di quota e sono separati da un gran numero di valli solcate da fiumi e torrenti tributari del Tirreno (Melfa, LiriVolturno), dell’Adriatico (Sangro, Gizio, Sagittario) e dell’alveo del Fucino (Giovenco, Rosa). I laghi principali sono il lago di Barrea (artificiale) ed il lago di Scanno (naturale). Altri laghi minori sono il lago di Villalago, il lago di Montagna Spaccata, il lago di Castel San Vincenzo, il lago Vivo ed il lago Pantaniello.

Editing: Enzo C. Delli Quadri
Copyright: Altosannio Magazine 

 

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.