La culla

0
1063

a cura di Paola Giaccio [1]

Foto di Frank Monaco
Foto di Frank Monaco

Eccola qui!

La culla dei tempi andati.
Accanto a letto della mamma o davanti al camino dove spesso
era la nonna,
seduta sulla sedia mentre lavorava ai ferri, 
con un piede a cullare e a cantare una ninna nanna… …  (cliccare sul triangolo sulla sinistra per ascoltare quella dei gruppo di musica etnica abruzzese DisCanto)

oppure quella di E. Summonte, tipicamente abruzzese, il cui testo dice:

Ninna nanna, ninna nannarella

Oh, oh, oh.
Ninna nanna, ninna nannarella
lu fijie mè ca si vò fa’ lu sonne.
Oh, fatti lu sonne, fatti lu ripose
mamme t’ha fatte ‘nu lette di rose
‘nu lette di rose ‘nu mante fiurate
scì benedette dall’ore che scì nate.

Oh, oh, oh.
Sonne sonne
sonne viene viene
vuicci’a ccavalle
ni’nci vinir’a ppiede
vien’a ccavalle
‘nghi nu cavalle bbianche
la sella d’ore
la vrije di diamante
vuicci’a ccavalle
‘nghi nu cavalle rosce
la sella d’ore
la vrije di camosce.

Ninna nanna, ninna nannarella

Oh, oh, oh.
Ninna nanna, ninna nannarella
il figlio mio si vuole fare un sonno.
Oh, fatti il sonno, fatti il riposo
mamma ti ha preparato un letto di rose
un letto di rose e un manto fiorato
sii benedetto dall’ora che sei nato.

Oh, oh, oh.
Sonno sonno
sonno vieni vieni
vieni a cavallo
non venire a piedi
vieni a cavallo
con un cavallo bianco
la sella d’oro
la briglia di diamante
vieni a cavallo
con un cavallo rosso
la sella d’oro
la briglia di camoscio.


[1] Paola Giaccio, Molisana di Agnone, libera professionista, ama profondamente la sua terra d’origine e ad essa dedica tempo e risorse, per divulgarne la bellezza.


Copyright Altosannio Magazine
Editing: Enzo C. Delli Quadri 

 

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.