La coccinella

0
831

di Benedetto di Sciullo [1] e Giovanni Mariano [2]

La Coccinella fa parte dell’ Ordine dei Coleotteri appartenente alla Famiglia dei Coccinellidi. È nera, con sulla fronte e agli angoli del protorace 2 macchie giallo-bianche; le elitre sono rosso carminio, ornate da sette punti neri rotondi. E’ una delle specie più grandi e più comuni. È di dimensioni piuttosto ridotte (circa 0,5 cm di lunghezza).


Che questo coleottero sia uno dei più simpatici insetti presenti in natura, lo dimostra non solo il fatto che sia stato ampiamente sfruttato per tanti spot pubblicitari e cartoni animati, ma anche perché a Fallo era uno dei pochi animali non sottoposto dai bambini a “torture” o a “stragi” più o meno volontarie.

Nella bella stagione, poiché è un gran divoratore di afidi, era facile trovarne in grande quantità sui fili d’erba, ma non era raro che qualcuno si posasse spontaneamente sui vestiti. In quest’ultimo caso veniva allora poggiato sul palmo della mano aperta e, recitando la filastrocca “Pallantina! vola, vola, dimme tu addò stà l’amore” (Coccinella! vola, vola, dimmi tu dov’è l’amore), si attendeva che l’insetto aprisse le ali e spiccasse il volo.

Dalla direzione del suo volo si traevano quindi gli auspici per il futuro “amoroso” del fortunato (o della fortunata) che l’aveva fatta volare: “L’amore stà a lu Monte” se la coccinella volava verso Montelapiano, “Stà a li Quadre” se andava verso Quadri, “A la Civvite” se andava verso Civitaluparella.

La cosa più interessante era che nonostante l’insetto spiccasse il volo verso un determinato punto cardinale, a nessuno fosse mai venuto in mente di dire che l’amore si trovasse a nord, a sud, ad est oppure ad ovest. Nei bambini probabilmente era scarsa la conoscenza dei punti cardinali, ma è anche verosimile credere che gli adulti cercassero di inculcare nei piccoli il principio, allora sacrosanto, dettato dal proverbio “moglie e buoi dei paesi tuoi“.


[1]Benedetto Di SciulloAbruzzese di Fallo (CH), libero professionista. Dedica tanto tempo alla cultura locale per mantenere concretamente vivi i palpiti di un mondo antico che accomuna tanti di noi e che, dal passato, ancora ci accarezza e ci emoziona superando oceani e continenti. Ha creato, con Giovanni Mariano, il sito.
[2]Giovanni MarianoAbruzzese di Fallo (CH), informatico. Cura con Benedetto Di Sciullo il sito dedicato a Fallo sapendo di fare piacere ai conterranei che apprezzano le abitudini, l’aria, i profumi dell’Alto Vastese. Ha creato, con Benedetto di Sciullo, il sito www.faldus.itche celebra Fallo (CH) e i Fallesi.

Copyright:  www.Faldus.it
Editing: Enzo C. Delli Quadri

 

 

 

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.