La cicerchia

0
1296

Poesia di Gustavo Tempesta Petresine [1]

La cicerchia

cicerchia Lathyrus sativus

Fruscia, tu prima sctìve
e mo ‘n’de truòve.
Addù te siè perdùta pe re munne?
Je mo te cèrche,
ne sacce addù siè juta !
E ‘mmocche m’è arremàscta ‘na ulìa.
Cundendézza cenénna de uagliùne,
pure cenénna:
allora tu ce sctive.
E me sembrava re munne ascì de chiéne
ca ce sciuvruàva biélle
anniènze e rrète.
Dalla chiénda cenénna, la manùccia
cugliéva la cicerchia sapurìta.
Mo m’arrengìme ‘ngime a chiénde grosse
e ‘n’nge arrive chiù pe’ coglie ‘bbuone.
E chiù me sctìre e chiù me facce lunghe
e chiù me fiène male chiscte vraccia.
Ascì la vita ze passa, a còglie e  còglie.
Passa vecìne e te tegne re core.
Chi ‘gné ‘na cemmenéra amména flina.

 

 

La cicerchia

cicerchia Lathyrus sativus

“Foglia” in passato c’eri
ed ora non ti trovi.
Dove  ti sei perduta per il mondo.
Io or ti cerco
non so dove sei andata,
e nella bocca mi è rimasto il tuo sapore.
Felicità ingenua di bambini,
seppure ingenua:
almeno eri allegria.
Vedevo il mondo così bello
 da scivolarci  intorno.
avanti e indietro
Dalla piccola pianta la manina
coglieva la cicerchia saporita.
Adesso arranco su piante grandi
e non arrivo a coglierne i frutti,
e più mi stiro, più cerco di allungarmi
e più mi fanno male queste braccia.
Così la vita scorre negli affanni
passando accanto ti tinge l’esistenza.
Come un camino occluso, getta fuliggine.

____________________________
[1]  Gustavo Tempesta Petresine, Molisano di Pescopennataro (IS), si definisce “ignorante congenito, allievo di Socrate e Paperino”. Ama la prosa e la poesia, cui dedica molto del suo tempo, con risultati eccezionali, considerati i premi conseguiti e la stima di tutti. Il suo lavoro più bello: il libro di poesie “Ne Cande”

Editing: Enzo C. Delli Quadri
Copyright Altosannio Magazine

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.