La Candata

3
643

Tiberio La Rocca [1],
con le note di Ienn Menenn da Bagnoli del Trigno 

cantata tra amici

La Candata

Candasse chi tè voce, è biell’assè,
candasse e nze fermasse pruopria mè
e ogne tande pure ne becchiere,
pe fa schiarì la voce e le penziere.

Candasse pure chi ne nza candà,
chi ne ntè voce e chi ne nza gna fà
candasse chi è gruosse e chi è catrare,
chi è parende e pure chi è chempare.

Candasse chi ha vinde e chi ha perdute,
chi sta lendane e chi è remenute
candamme tutte chende, è pruopria bielle,
fa bene pe le core e le cervielle.

cantata tra i prati con amici

La Cantata

Cantasse chi ha voce, è molto bello,
cantasse e senza fermarsi
ed ogni tanto bevesse un bicchiere,
per schiarire voce e pensieri.

Cantasse pure chi non è capace,
chi non ha voce e chi non sa farlo
cantasse chi è grande e chi è piccolo,
chi è parente ed anche chi è compare.

Cantasse chi ha vinto e chi ha perduto,
chi è lontano e chi è tornato
cantiamo tutti, è davvero bello,
fa bene al cuore ed anche al cervello

_________________
[1] Tiberio La RoccaMolisano di Poggio Sannita (IS), coltiva da sempre la passione per la poesia e in particolare per il dialetto di origine; ha pubblicato molte raccolte di poesie, con le quali ha ottenuto riconoscimenti e premi.

Copyright Altosannio Magazine
Editing: Enzo C. Delli Quadri 

 

 

3 Commenti

  1. Pura verita’ e’ molto bella la poesia in dialetto, fa esprimere i pensieri con piu sentimenti. Devo aggiungere che io canto, ballo, e mi diverto sempre.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.