L’ Epifania …… (il presepe e l’albero)

0
604

Racconto in dialetto, con traduzione

di Gustavo Tempesta Petresine

presepe-1

La matìna de ru 5 de jennàre dumilaesidece

M’arrevéglìve tutt’ ‘ngazzàt’ e ‘ngìme arre cuòtte, mogliema ce amménètte l’acca vullènde! Me decètte: “Arrizzete ca ida smundà l’uàrvene e ru presepe!”- “Che ‘ne juòrne d’andicip’!”- arrespunnìve

Pe’ nen fa quesctione e avvelenièrme re juòrne doppe, de l’Epifania, abbuttìve e m’arrecurdìve de chille ca decètte Criscte… Ascì, a chi  vuléva la maglia lassìve pure la camicia. Ma la natura umana e re carattere ca tiénghe me porta a ‘ngazzàrme spisse. Ascì fra pallétte, felarélle e lucétte, de malavoglia smundìve tutt’ cose trattenènne ri asctìme e le male parole.

La sera, acquanda me ive addermì nen putètte pegliè suònne. Me gerièva e m’arrevuldàva davéndre arru liétte, affina a quanda, abbretiète arre lenzuòle gné ‘ne gliombre, sembrètte ca re suònne ze decedètte a gnogne.

Allora, davéndre alle scure sendìve ‘na vocia, ca era forte gné re tuòne e arre sctésse mumènde aggraziéta e dolge, ca me decèva: “nen te ‘ngazzà pe ‘sse cose ascì cenénne! Penza sulamènde ca ‘ngìme a ‘sse munne, ca avète arredùtte a ‘ne cacature, ce sctiène cose chiù brutte!” M’arreveglìve tutte seduàte,  re core sbatteva talmènde forte, tande ca me credeva ca me sctava calànne ru tok!

Mèndre ca cercàva de arrepegliè suònne, me mettìve a penzà. Aveva fa coccòsa, aveva parlà che la ggenda e mett’ in pratica quìlle comandamende ascì defficile “Ama ru prossime tiè gné te sctésse!”

Chiéne chiéne, senza manghe addunàrmene, m’arraddurmìve. Me sembrètte ca sctava davéndre arru liette da cinquand’ienne, ascì davéndre arre suonne sunnàva n’ualdre suonne. Me vuleva arrezziè ma nen me putéva movere; vuléva alleccuà ma nen me ascéva la vocia.

Mmiése a ‘ne tiémbe can nen era chiù tiémbe, vedìve na faccia ca nen era faccia, e n’ome ca nen era ome. Arréte alla coccia nen tenéva né aureola né lùce, e né capille biondi e uocchie azzùrre. Ze muvéva veloc’ gné la saiétta, ca l’uocchie mié, davéndre arre suònne ze faciérne cecàte. Allora putìve sendì sole la vocia ca me deceva.

“so duemila iènne ca “IO” cerche de farme asculdà, e la genda ze fa suòle re chièzze siè o ze fabbreca ‘ne Padreterne de comodo… Te vulìsse mettere tu arre puoscte mie?” Arrecordete, ca le perle nen le può ammenà arre puòrce! Ca chille ce cachene, ce piscene ‘ngìme e nen le siene apprezza!”

 Davéndre arre suònne me facìve cenìnne cenìnne, ca pe la vreògna n’avésse miè vulut’ nascere. M’arreveglìve de botta, arremanénne gné ‘ne sctubbetòne, ‘mbaurit’ e umano, mèndre menéva da dafòre ‘ne rumore de bettìglia rotta. M’affaccìve alla fenèsctra: era l’uldeme ‘mbriacon; n’ualdre desperàte ca cervava de arretruvà Se sctess’, davéndre all’ vin.

Matina de ru 6 de Jennàre dumilaesidece.

 Arrezzièteme de umore descutibbile, angappìve faméglieme. Une è ‘ne tarallòne de 28 jenne pure accasàte,  l’ualdre de 21, e je decètte: l’anne ca vé, ru presepe me re facce suòle ie, e ie me re smonde! Se vu vuléte fa l’uarvene, chisse so chiezze vuosctre! Chescta è ‘na tradeziòne de chille cazziùne de ammerechiéne, gné Santa clauss, halloween o gna cazz se dice, e le malanne ca je sbatte arrete alle recchie…


L’epifania (traduzione)

Presepe

La mattina del 5 Gennaio duemilasedici.

Mi svegliai incazzato e sul “cotto” mia moglie versò l’acqua bollente. Mi disse: “alzati dal letto che devi smontare l’albero e il presepe!”  Con un giorno di anticipo!  –risposi

Per evitare un litigio, altresì per evitare di avvelenarmi il giorno dopo, quello dell’Epifania, abbozzai, ricordandomi le parole del Cristo. Così, “a chi voleva la tunica  lasciai anche il mantello.” Ma la natura umana del mio carattere mi porta ad incazzarmi spesso. Così, fra: palline, striscioline e lucette, di malavoglia, smontai tutto, trattenendo bestemmie e male parole.

 La sera, quando andai a dormire, non potei prendere sonno. Mi giravo e mi rivoltavo dentro al letto fino a quando, avvolto nel lenzuolo come un gomitolo, sembrò che il sonno si fosse deciso a giungere.

Fu allora, che dentro l’oscurità sentii una voce, forte come il tuono e al tempo stesso aggraziata e dolce, che mi disse: “non incazzarti per queste piccole cose! Pensa che in quel mondo, che voi avete ridotto un cesso, ci sono cose oltremodo terribili!”

Mi svegliai tutto sudato. Il cuore batteva talmente forte che credetti di essere preda di infarto. Mentre cercavo di riprendere sonno mi misi a pensare. Dovevo fare qualcosa, dovevo parlare con le persone cercando di mettere in pratica quel comandamento così difficile “Ama il prossimo tuo come te stesso!”

Piano piano senza nemmeno accorgermene, mi riaddormentai. Mi sembrò di stare dentro un letto da cinquanta anni; da dentro un sogno sognavo un altro sogno. Volevo alzarmi, ma non mi potevo muovere. Volevo urlare, ma non usciva la voce. In mezzo a un tempo che non era più tempo, vidi: un viso che non era viso e un uomo che non era uomo. Dietro la testa non aveva aureola, né fasci di luce né capelli biondi e occhi azzurri. Si muoveva con la velocità di un fulmine; gli occhi miei nel sogno divennero ciechi. Potei sentire solo la sua voce che diceva “sono duemila anni che cerco di farmi conoscere ma la gente pensa solo ai fatti suoi, oppure si fabbrica un suo idolo di comodo… vorresti metterti al posto mio? Ricorda! Le perle non le puoi donare ai porci; ci cagheranno e pisceranno sopra, e non sapranno apprezzarle!”

Dentro il sogno mi sentii piccolo e misero, per la vergogna non avrei voluto essere mai nato. Mi svegliai all’improvviso, rimanendo istupidito. Impaurito e umano, mentre veniva da fuori un rumore di bottiglia infranta. Mi affacciai alla finestra: era un ultimo ubriaco, un altro disperato che cercava di trovare se stesso, nel vino.

Mattina del 6 Gennaio duemilasedici.

Alzatomi di umore discutibile, affrontai i miei figli. Il primo è un ragazzone di 28 anni, anche sposato, l’altro di 21. Gli dissi: l’anno prossimo, il presepe me lo faccio da solo e da solo lo smonto! Se voi volete farvi l’albero, questi sono cazzi che non mi riguardano! Quella è una tradizione di quei cazzoni di americani. Come: Santa claus, come alloween, o come “le malanne ca je sbatte arrete alle recchie” (intraducibile)

______________________________
[1] Gustavo Tempesta Petresine, Molisano di Pescopennataro (IS), si definisce “ignorante congenito, allievo di Socrate e Paperino”. Ama la prosa e la poesia, cui dedica molto del suo tempo, con risultati eccezionali, considerati i premi conseguiti e la stima di tutti.

Editing: Enzo C. Delli Quadri
Copyright Altosannio Magazine 

 

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here