il Gioco dei Sassolini

6
2246

a cura di Enzo C. Delli Quadri 

sassolini-300x227

 

Materiale: 5 sassolini lisci e tondeggianti
Giocatori: minimo 2
Spazio di gioco: all’aperto, in un piazzale

Svolgimento

Dopo la conta il primo giocatore getta a terra i sassolini; sceglie un sassolino e inizia lanciandolo in aria. Prima di riprenderlo al volo, con la stessa mano, raccoglie da terra un altro sasso e ripete il lancio per ogni sassolino che è a terra. Nei lanci successivi si raccolgono da terra 2 sassolini alla volta; poi 3; infine 4. Il gioco si chiude tirando in aria il sassolino e riprendendolo al volo dopo aver depositato a terra gli altri 4, tenuti nella stessa mano. Chi sbaglia passa la mano al giocatore seguente, nell’ordine stabilito dalla conta. La fase finale, eseguiti i vari lanci, si gettano in aria i 5 sassolini e prendendoli sul dorso delle due mani avvicinate a coppa: trattenendoli tutti si guadagna il punto, altrimenti si passa la mano e poi, al proprio turno, si ricomincia daccapo. Il gioco finisce quando un giocatore raggiunge per primo il punteggio stabilito in partenza.


Editing: Enzo C. Delli Quadri
Copyright: Altosannio Magazine 

6 Commenti

  1. Manca un passaggio: i giocatori devono far passare i sassolini, lanciandone sempre in aria uno, sotto le dita a forma di arco.

  2. a carovilli il gioco dopo la “cing sana” raccogliendo i sassi per terra uno alla volta e lanciandone in aria in progressione 2-3-4 alla volta per poi raccoglierli, con: l’aniegl, r tip top, la fuorbc, r pont, e r punt

  3. Io ricordo,invece, il gioco delle “baggine”,i semi delle carrube,chiamate “sciuscelle” da noi bambini.Si giocava sulla strada (di macchine allora non ce n’erano) dietro la Porta di S.Nicola:
    si faceva un fossetto per terra (la strada ovviamente non era asfaltata),lo si riempiva di bag-
    gine secondo la quota pattuita,si piazzava “l’ich”e poi si faceva il tiro con la propria “liscia”.
    Il padrone della “liscia” ,che aveva fatto saltare “l’ich” e che ricopriva le baggine,se le prendeva tutte e per gli altri bambini diventava un eroe.La “liscia” dell’ “eroe” diventava preziosa e sacra
    e lui saliva sul diedistallo di una considerazione reverenziale…..
                                                                             Ricordo d’infanzia,Vittorio Battista

    • A San Giovanni Lipioni il gioco simile si chiamava “stcchie”. Lo stcchie era un pezzo di mattone o pietra sistemato in posizione eretta da colpire da una certa distanza, al posto delle sciuscelle c’erano i bottoni, qualche volta le cinque lire e negli anni 60′ anche le figurine, che venivano messe al suo fianco. A volte capitava che si accordassero i due tiratori consecutivi in maniera che il primo, (quello dotato di buona mira), aveva il compito di colpire lo stcchie e allontanarlo il più possibile dalla posta, il secondo, (capace di tiri di precisione), con il suo tiro si avvicinava alla posta. Il bottino si spartiva rigorosamente.

  4. Descrizione veloce e precisa, com’era il gioco “de le vraicce” . Gioco intelligente per bambini….-non deficienti intellettualmente – ma DEFICIENTI, perché MANCAVANO loro GIOCATTOLI più elaborati e diversi…ed essi si divertivano con la FANTASIA!
    Anch’io l’ho giocato, ma non ero bravissima e se le pietre ricadevano sulle nocche delle dita…ahi ahi facevano male!

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.