IL CESTO – LU CISTE ovvero Trenta carrine chi la iumente

1
598

di Benedetto di Sciullo e Giovanni Mariano

State parlando di politica e sentite dire Trenta carrine chi la iumente?
State parlando di affari  e sentite dire Trenta carrine chi la iumente?
State parlando di sport  e sentite dire Trenta carrine chi la iumente?

Chi la pronuncia ritiene di avere ragione da vendere. Da dove viene questa frase?

Lu CISTE (Il CESTO) 

 

Nu viecchie chi circave la limosine vicine a la case di n’ome ricche, nu iuorre lu firmette mentre ariive a la case. Lu viecchie, vistute mmalamente, zi trascinieve appriesse nu ciste gruosse ddò ci tineve tutte li strieccie sie.

 Un vecchio che chiedeva l’elemosina nei pressi dell’abitazione di un signore piuttosto benestante, un giorno fermò il padrone di casa mentre questi rincasava. Il vecchio, mal vestito, si trascinava sempre dietro un grosso cesto in cui custodiva tutti i suoi stracci.

…………….

– Chi vuò da me? – Addummannette l’ome ricche.

– Cosa vuoi da me? – Chiese il signore.

…………….

– Li siè ca mogliete zi la fa nchi lu cumpare d’anielle e t’onne vo accite pi pigliertze tutte li solde? –

 – Lo sai che tua moglie se la intende con il testimonio del vostro matrimonio ed insieme stanno tramando per ucciderti e prendersi tutti i soldi? –

 ……………

 – Ma chi stiè dicenne, i nci crete, vattinne prime che ti mene. Gnà fiè a esse sicure di sa’ cose? –

 – Ma che dici!? Non ti credo! Vattene via prima che ti picchi. Come fai ad essere così sicuro di questa cosa? –

 …………….

 – Nu iuorre chi chiuveve, so circate a mogliete di famme ntrà pi scallarme vicine a lu fuculuare e so viste ca lu cumpare tiè stava aloche. Da culle iuorre, appene tu ti ni viè, isse arrive e so sintute, da rrete a la porte, conne parlave d’accitite pi puterze pigliè tutte li solde chi liesse a moglite pi ridità. –

 – Un giorno di pioggia, ho chiesto a tua moglie di farmi entrare per scaldarmi al fuoco del camino ed ho visto che il tuo compare si trovava lì. Da allora in poi tutti i giorni, appena tu vai via, egli arriva ed ho sentito, origliando alla porta, che parlavano di volerti uccidere per potersi godere poi tutti i soldi che lascerai in eredità a tua moglie. –

 …………….

 – Gnà fiè a farme vidè ca tiè raggione? –

 – Come fai a dimostrarmi che hai ragione? –

 ……………

 Dumane, fa vvidè ca ti ni viè, i, nchi la scuse di scallarme, entre dentre a la casa te e tu, mentre i mpappine moglite, intre dentre a lu ciste chi so lassate arrete a la porte. Accuscì può sintì tutte chille chi zi dice quanna tu nin ci stiè. Si pirò i eie raggione, ma dà pagà. –

– Domani fingi di andare via, io chiederò di entrare a casa tua con la scusa di scaldarmi e tu, mentre io distraggo tua moglie, entri nel cesto che avrò lasciato dietro la porta. In questo modo potrai sentire tutto quello che dicono in tua assenza. Però se ho ragione mi devi pagare. –

 …………….

– Va buone, quanta vuò? –

– Va bene, quanto vuoi? –

…………….

– Trenta carrine e na iumente. –

– Trenta carrini e una giumenta. –

 ……………

E ccuscì onne facette. Lu marite facette avvidè ca zi ni ive e lu viecchie ntrette dentre a la case trascinennze appriesse lu ciste addo ntrette l’ome. Doppe na nzegne arrivette lu cumpare e lu limusinante scette e lassette lu ciste arrete a la porte ma rimanette a scultà da da fore. Accuscì lu marite putette sintì tutte li cose chi zonne diceve la moglie e lu cumpare e sapette gnà onne vuleve fa pi luvalle da mmiezze. Allore lu viecchie aprette la porte e dicette a lu ciste:

Così fu fatto. Il marito fece finta di andare via e il vecchio si fece accogliere in casa, trascinandosi dietro il cesto dentro il quale l’uomo entrò. Di lì a poco arrivò il compare ed il mendicante uscì lasciando il cesto dietro la porta, ma restando ad origliare da fuori. Il marito poté così udire tutto quanto si dicevano la moglie ed il padrino e seppe come avevano intenzione di toglierlo di mezzo. A quel punto il vecchio spalancò la porta e, rivolto al cesto, disse:

…………….

– Siente, siente, signore ciste, siente chi cosa dice chiste, pur’è buone ca si ripprisente: trenta carrine chi la iumente. –

– Senti, senti, signor cesto, senti che cosa dicono questi, è cosa buona che tu sia presente: trenta carrini ed una giumenta.

…………….

Quest’ultima frase viene di solito citata quando qualcuno dimostra, in maniera lampante, d’avere ragione e ne pretende tutti i dovuti riconoscimenti.            

1 COMMENTO

  1. Il testo è molto divertente.Ma la mia attenzione è stata attratta dalla foto del corso d’acqua tra le rocce. Dov’è questo posto stupendo? Voglio andarci

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.