Home / Cultura / Turismo in Altosannio / Monumenti / I Templi italici di Schiavi d’Abruzzo

I Templi italici di Schiavi d’Abruzzo

di Ivan Serafini

Sito dell’Area Sacra di Schiavi d’Abruzzo

L’area archeologica dei Templi italici di Schiavi d’Abruzzo si trova lungo la strada provinciale che dalla fondovalle Trigno sale al paese (Loc. Colle della Torre, Schiavi D’Abruzzo), in un punto panoramico da cui si dominano la vallata sottostante e i rilievi molisani su cui sorge Pietrabbondante.

Il Tempio Maggiore (II secolo a.C.) e il Tempio Minore (inizi I secolo a.C), affiancati e paralleli, costituiscono le emergenze oggi visibili, su un terrazzamento contenuto da un lungo muro in opera poligonale e quadrata, che limita il santuario ad ovest.

Recenti esplorazioni hanno riportato alla luce un altare monumentale, di fronte al Tempio Minore e ad esso coevo, una necropoli utilizzata dal X secolo a.C. alla piena età romana, e un altro edificio sacro, abbandonato poco dopo la Guerra Sociale (91-89 a.C).

Oggi è visibile anche la torre medievale a due livelli, eretta dietro al muro in opera poligonale del santuario: a questa struttura si deve il toponimo della zona, Colle della Torre.

Un museo archeologico è stato aperto all’interno di un edificio moderno adiacente l’area sacra.

Per approfondimenti sull’area archeologica di Schiavi d’Abruzzo,  consigliamo di visitare la sezione dedicata sul sito della Soprintendenza per i Beni archeologici dell’Abruzzo, in cui è possibile visionare un’accurata photo gallery

About Enzo C. Delli Quadri

Agnonese, ex Manager Aziendale, oggi Presidente dell' Associazone ALMOSAVA-ALTOSANNIO (alto molise sangro vastese), da molti anni è impegnato a divulgare l'importanza della RIAGGREGAZIONE di questo territorio, storica culla dei Sanniti che , 50 anni fa, fu smembrato e sottoposto a 4 province e 2 regioni, contro ogni legge morale, economica e demografica.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.