I Paglione d’Argentina: una famiglia che sfida il tempo

0
174

Francesco Di Rienzo

Le storie delle famiglie degli emigranti italiani -e capracottesi- nel Nuovo Mondo potrebbero sembrare tutte uguali. Invece, nel caso della famiglia Paglione, c’è un elemento che la contraddistingue da tutte le altre: dopo oltre 100 anni dall’arrivo dei capostipiti in Argentina, Panfilo Paglione e Maria Nicola Pettinicchio, gli oltre trecento discendenti della coppia si riuniscono in determinate occasioni per mantenere ben saldo il loro legame famigliare.

L’idea venne a cinque degli esponenti più anziani della famiglia sulla base della constatazione del fatto che gli unici momenti per rivedersi tutti insieme – e in alcuni casi persino conoscersi- erano quelli tristi e dolorosi. Così, i vari rami della famiglia iniziarono a contattarsi tra loro e i Paglione d’Argentina si riunirono per la prima volta nel 1991. In quella occasione, ne erano presenti circa duecentocinquanta, appartenenti a tre differenti generazioni. Nel 1994, i partecipanti arrivarono a circa trecento.

La storia della famiglia Paglione in Argentina risale agli inizi del secolo scorso. Il 6 dicembre del 1900, infatti, Panfilo Paglione e sua moglie Maria Nicola Pettinicchio sbracarono nel porto di Buenos Aires con le loro tre figlie: Giacinta (8 anni), Filomena (2) e Tullia (3 mesi). La famiglia si trasferì immediatamente nella provincia di Santiago del Estero dove Panfilo trovò lavoro come contadino presso la tenuta agricola “La Porteña”, situata tra El Zanjón e Yanda, di proprietà della famiglia Podestà di Buenos Aires. Nel frattempo, però, l’uomo curava anche i frutteti e i vigneti delle Suore Francescane e lavorava come giardiniere per le Suore Domenicane e per il Collegio Belén di Santiago del Estero.

Panfilo e Maria Nicola non dimenticarono, però, le tradizioni della loro terra di origine in quelle lande lontane migliaia di chilometri da Capracotta: la donna faceva il pane una volta alla settimana; l’uomo vendemmiava l’uva e amava gustare il vino prodotto con le sue stesse mani, preferibilmente rosso.

In Argentina, nacquero altri quattro figli maschi: Miguel, Antonio, Serafin e Remigio. I sette figli hanno avuto, a loro volta, complessivamente trentasei figli. Oggi la famiglia Paglione è arrivata alla quinta generazione. Conta più di trecento componenti sparpagliati in diverse province: La Pampa, Cordoba, San Luis, Buenos Aires, Santa Fe e Santiago del Estero. Una famiglia che, nonostante per qualche errore o incomprensione della burocrazia oggi sia prevalentemente conosciuta come “Paglioni” (soltanto un ramo ha mantenuto la forma originaria del cognome: Paglione), si sforza a mantenere la sua unità e la sua identità.

Dal volume AA.VV., A la Mèrɘca. Storie degli emigranti capracottesi nel Nuovo Mondo, Amici di Capracotta, Cicchetti Industrie Grafiche Srl, Isernia, 2017

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.