Home / Cultura / Tradizioni / Gastronomia / Dolci / I Mostaccioli di Carolina Orlando…

I Mostaccioli di Carolina Orlando…

mostaccioliIngredienti

1kg di farina,
750gr di miele
1 bustina di ammoniaca 14gr,
150 gr di mandorle tostate, con tutta la buccia, ridotte quasi a farina .
4 uova intere
100 gr di cacao amaro
la buccia di 2 arance di giardino non trattate e tagliate a pezzettini
2 cucchiaini colmi di un mix di cannella e di chiodi di garofano polverizzati al momento
750 gr di marmellata di arance di limone prugne ciliege (cioè un mix di marmellate abbastanza sostenuta e non lenta che ognuno fa durante l’estate)
una tazzina di iatte……..
cubetti di cioccolato fondente
olio di semi q.b.
e……… una “cucchiarella” di legno per poter miscelare, a momento debito, tutti gli ingredienti.

mostaccioli 1

Procedimento

Usare una grossa pentola che deve poter contenere tutti gli elementi sopra elencati.

  • Per prima cosa, versare tutto il miele nella pentola e farlo sciogliere a fiamma bassissima, onde evitare che si cuocia il tutto. A miele ben sciolto, allontanare la pentola dal fuoco e preparare le 4 uova, battendole in un piatto, come se si dovesse fare una frittata;  contemporaneamente far sciogliere l’ammoniaca nella tazzina col latte,  munirsi della “cucchiarella” di legno e versare pian piano tutti gli ingredienti nella pentola stessa: prima il cacao, mescolando di continuo, senza interruzione, essendo il miele caldo, poi, sempre mescolando, aggiungere le mandorle tritate, gli aromi di cannella e garofano la buccia di arance, poi la marmellata, l’ammoniaca, le uova e, infine, la farina, senza dimenticarsi di mescolare sempre e di continuo, fino all’assorbimento totale della farina.
  • Lavorare il composto fino a ottenere un impasto omogeneo., detto “pittrozza”.
  • Stendere, sopra a “ru Taurille” (una spianatoia di legno) infarinato, una “pittra”, cioè una piccola parte del composto, fino ad uno spessore di quasi 3-4 cm.
  • Tagliare, con l’uso di formette, dei rombi, da mettere sulla carta forno; da ogni “pitra” resteranno dei ritagli che andranno mischiati alla successiva pittra datosi che le pittre non devono essere grandi (vanno stese con le mani essendo la pasta appiccicosa, per lo stesso motivo la formetta deve essere immersa nella farina ad ogni taglio).
  • I rombi così ottenuti vanno posti su una teglia e messi in un forno a 180 gradi, per circa 20 minuti.
  • Sciogliere a bagno maria i cubetti di cioccolato che faranno da coprente, misti ad un po’ di olio di semi; una volta pronto il coprente, immergervi i mostaccioli, uno ad uno, e, infine, porli ad asciugare all’aria su carta forno.

 


Carolina Orlando, Molisana di Agnone

Editing: Enzo C. Delli Quadri
Copyright Altosannio Magazine

 

About Enzo C. Delli Quadri

Agnonese, ex Manager Aziendale, oggi Presidente dell' Associazone ALMOSAVA-ALTOSANNIO (alto molise sangro vastese), da molti anni è impegnato a divulgare l'importanza della RIAGGREGAZIONE di questo territorio, storica culla dei Sanniti che , 50 anni fa, fu smembrato e sottoposto a 4 province e 2 regioni, contro ogni legge morale, economica e demografica.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.