GNÀ ZE MMUORTE ? ovvero COM’È MORTO?

0
580

di  Benedetto di Sciullo e Giovanni Mariano del comune di Fallo (Ch)

Quattr’uommene onne ive a jurnate. Tre di lore era paricchie tiempe chi lavurave pi nu patrone chi la sere i faceve aritruvà pure a magniè, mentre n’ualtre era tanta tiempe chi nun fatijeve e zi murive pi la fame. Quanna l’ieltre e tre l’onne mannette a chiamà, subbite dicette ca scine e lu prime juorre nin videve l’ore d’arrintrà la sere pi putèreze finalmente magniè co cose. Quattro uomini lavoravano come braccianti. Tre di loro da parecchio tempo svolgevano l’attività lavorativa per un padrone che la sera gli faceva ritrovare anche da mangiare, mentre un altro era disoccupato da tanto tempo e quasi moriva di fame. Quando gli altri tre lo mandarono a chiamare, subito acconsentì ed il primo giorno di lavoro non vedeva l’ora di rientrare la sera per poter finalmente mangiare qualcosa.

A la fine di la jurnate, lu patrone i priparette ‘na bella tavele nchi tanta bella robbe da magniè e l’ome chi stave a dijune da tanta tiempe nin sapeve addò cuminzà.

Alla fine della giornata, il padrone apparecchiò una bella tavola con tanta bella roba da mangiare e l’uomo che era digiuno da tanto tempo non sapeva da dove cominciare.

L’ieltre e tre onne cuminzette a magniè chiene chiene e mentre onne magnieve onne parlave di tanta cose. Minette pure lu discurze di la salute di la mamme e lu puatre di ogniune di lore.

Gli altri tre cominciarono a mangiare lentamente e nel frattempo parlavano di tante cose. Venne così il discorso sulla salute della mamma del papà di ognuno di loro.

– Mamme e tate zè fatte vecchie, ma stanne ancora buone. – Dicette une.

– Mamme e papà sono invecchiati, ma stanno ancora bene. – Disse uno.

– Eh, papà miè zè muorte da tre anne: è state tanta tiempe a lu spidale e doppe zi n’è jute. – Arispunnette n’ualtre.

– Eh, il mio papà è morto da tre anni: è stato tanto tempo in ospedale e dopo se n’è andato. – Rispose un altro.

– Pure tatà miè. Ha avute ‘na febbre ddu anne fa, zè misse a liette pi ‘na mmirnata sane e pò, a lu mese d’Abbrile zè muorte. – Dicette l’ualtre ancore.

– Pure il mio papà. Ha avuto una febbre due anni fa, è stato a letto per un’intera invernata e poi, nel mese di Aprile è morto. – Disse il terzo.

E ogniune di lore, sempre magnenne chiene chiene, cuminzette a riccuntà pi file e pi signe tutte chille chi era passate.

 

E ognuno di loro, sempre mangiando lentamente, cominciò a raccontare per filo e per segno tutto ciò che aveva passato.

 

Lu quart’ome, nchi la fame chi tineve, cuntinuave a magniè senza alzà la cocce pure si ogni tante qualchedune j’addummannave:

Il quarto uomo, con la fame che aveva, continuava a mangiare senza alzare la testa anche se qualcuno ogni tanto gli domandava:

A nu cierte punte une di lore l’acchiappette pi nu vruacce, lu trittichette e j’ariddummannette:

Ad un certo punto uno degli altri tre lo afferrò per un braccio, lo scosse e gli chiese:

– E tatà tiè gnà zè mmuorte? – E tuo padre com’è morto?

L’ome alzette la cocce nu mumente, lu guardette, arispunnette

– L’uomo sollevò la testa un momento, lo guardò, rispose

D’ subbite! – e aricuminzette a magniè.

 

Improvvisamente! – e riprese a mangiare.

 

 

La frase “D’ subbite!” (Improvvisamente) è di solito usata da chi vuole liberarsi al più presto di un’incombenza poco piacevole, per dedicarsi a qualcosa di più interessante.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.