Gli ignavi

1
883

di Gustavo Tempesta Petresine [1]

Ignavi

Fra tutta la ggenda triscta ca ce sctà ‘ngim’ a ‘scte munne, ‘na razza a part’ è chélla ca nen fa né bbene e né male.

Davéndre arru vocabbolarije scta scritte ca ze chièmen’ “ignavi.” So’ chille ca ze fiène sulamènde re chiezz’ lor’, decènn’: “ ie nen facce le male a nesciùne –ma manghe fiene le bbene- me ne freche de tutt’ chill’ ca succéd’ tuòrne a me e penze sulamènde a magnié e vev.”

Datese ca sctiénghe screvènne ‘n gime a ‘ssa razza senza appartenenza, ve vuoglie accundà nu fatte, ca gna succedette a S. Paolo, pure ie avìve la visione de re ‘mbern’.

‘Mbrugliet’ de suonn’ me truvìve davéndre a ‘na grotta che tanda ggenda ca alleccuàva e z’asciuppàva ri capill’. Eren’ pungecàt’ da vespe e scardavùn’, e che le sanghe ca ie culava affin’ arre piet’ ce z’abbeveràven’ cierte viervenacchiùn’ brutt’ e scchifùs’.

Me menètt’ ‘nniènz’ piétt’ ‘ne cusariéll’ cenìnn’ e malecavàt’, brutt’ gné la pesct’ de S. Rocche, ca me cumenzètt’ a ‘nghì de mal’ paròl’. Spernacchièva, faceva ri pivet’ e dapuò ze la redéva a crepa panza.

Me decètt’ “che ce sctié a fa’ tu ècche, ca quìscte nen è luòche p’ te?”                                                               

 Arrespunnìve: “chocche d’une m’ha mannàt’ pe’ famme capì chia so’ tutt’ ‘sse disgraziète ca ze lamènden’!”

“Chia so’!” – arrespunnètt’ re cusariéll’ –  “Sono gli ignavi!Ma quisct’ nen è l’mbèrn, è l’antimbèrn’, e a chisse scchefeldùs’ nu ie facémme la uardia pe nen farre ‘ndrà, ca pur’ se semm’ dièvere, ‘ssa brutta razza a nu ie fa’ talmende schif’ ca nen re vulémm’ mangh’ ‘mmieze all’ flamb’! Nen meriten’ manghe ‘na tortura seria, gna fuss’: abbresciuarr’ o taglierl’ la lénga.

Ri muscùne e le vespe ca re pòngechen’, difatti, nen fiène né bbene e né male, fiene sulamend’ re dovere lor’, chemmuò  ascì è sctat’ sctabbilit’ ca iena fa’, coma ‘sse disgraziete facierne in vita. La suòla defferenza è ca lor’ teneven’ cusciénza de gna ze cumburtaven’. Gné nen ze ne ‘mburtiern’ de l’aldra ggenda ca ajettava lu sanghe, mo, ri viervene z’abbotten’ de le salghe ca ajettene lor’! Re cosariell’ ze ne jett’ redenn’ e spevetejenn’ caccenn’ re pisciariell’ dafor’.”


 

Traduzione

Fra tutta la gente triste che abita questo mondo, una razza a parte è quella che si adopera né per il bene né per il male.

Il vocabolario esplicita il significato della parola. Essendo discorsivi diremmo: sono quelli che fanno semplicemente i cazzi loro dicendo: io non faccio male a nessuno. – neanche il bene – Me ne frego di tutto quello che mi ruota intorno e penso solo a mangiare e bere.

Dato che sto scrivendo su questa razza senza appartenenza, voglio raccontarvi che: come successe a S. Paolo, anch’io ebbi la visione, solo dell’antinferno, però!

Intorpidito di sonno, mi trovai dentro una grotta zeppa di gente che urlava e si strappava i capelli. Erano punzecchiati da vespe e mosconi e con il sangue che colava fino ai loro piedi ci si abbeveravano grossi e schifosi vermi.

Mi sbarrò la via un nano minuto con piglio di cattiveria, brutto come la peste di S. Rocco. Cominciò a insultarmi; spernacchiava e faceva i peti, ridendo poi, a crepapancia.

Mi disse “che sei venuto a fare tu, qui!” Questo non è posto tuo!”

Risposi: qualcuno mi ha mandato a rendermi conto di chi sono e come soffrono questi disgraziati.”

Chi sono! -rispose il nano- Sono gli ignavi (accidiosi), ma questo è solo l’antinferno. A questi schifosi noi facciamo la guardia per evitare che entrino nell’inferno. Anche se siamo diavoli, a noi, questa brutta razza fa’ talmente schifo che non la vogliamo nemmeno tra le fiamme! Non meritano una tortura seria, come potrebbe essere: bruciarli o tagliargli la lingua. I mosconi e le vespe che li pungono, fanno né bene né male, fanno solo il loro dovere poiché così è stato stabilito. Come loro, questi disgraziati fecero in vita. Con la sola differenza che avevano coscienza di quel comportamento. Come non gli interessò provare pena per il sangue di chi soffre, così i vermi non provano pena a rimpinzarsi del loro. Il diavolo in miniatura se ne andò ridacchiando e scorreggiando, rivolgendomi gesti osceni.”

_________________________
[1] Gustavo Tempesta Petresine, Molisano di Pescopennataro (IS), si definisce “ignorante congenito, allievo di Socrate e Paperino”. Ama la prosa e la poesia, cui dedica molto del suo tempo, con risultati eccezionali, considerati i premi conseguiti e la stima di tutti.

Editing: Enzo C. Delli Quadri
Copyright Altosannio Magazine 

 

1 COMMENTO

  1. Caro poeta e prosatore di stile dantesco! Ironico e acculturato allievo di Socrate e Paperino, grazie dei tuoi suggerimenti e del tuo sprone… So bene come tanti di noi , quanto sia faticoso non essere ignavi! NOI avremo altra punizione, ma non certo “ quille verviene che z’abbottene de le sanghe noustre!

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.