Home / Cultura / Cultura Popolare / Ggià vólanə ləndrunə e rundənèlle

Ggià vólanə ləndrunə e rundənèlle

Poesia di Felice Pannunzio[1],
tratta dal libro “Poeti Dialettali di Agnone” curato da Domenico Meo[2]  rondoni

Ggià vólanə ləndrunə e rundənèllə

Rə scìurə də lə mìendrə só sbucciàtə.
Mmìesə alla jèrva, angóra ngiallóita,
s’affacciànə cundèndə lə vəjéulə.
Ru sólə é callə, e all’aria prufumata
ggià vólanə ləndrunə e rundənèllə.
Pasqua šta pə la vójja,
purtànnəcə na nèjja də rəcùordə:
la səttəmmana sanda; rə səpulcrə
chə rə tìeštə də granə e də ləpóinə;
la fólla də lə fémmənə arru furnə
pə còcərə sciadàunə e chəchəruózzə;
lə cambanə attaccatə; rə uaglìunə
chə chjèmanə alla méssa
ggərènnə racanèllə,
cónghə e cuttrìellə luccəchèndə a séulə.
Ru səlènziə ru vìérnə sə n’é jìutə,
pə fa nanzé də larghə all’alləgrójja.

 

Già volano rondoni e rondinelle

I fiori dei mandorli sono sbocciati.
In mezzo all’erba, ancora ingiallita,
si affacciano contente le viole.
Il sole è caldo, e per l’aria profumata
già volano rondoni e rondinelle.
Pasqua sta arrivando,
portandoci una nebbia di ricordi:
la settimana santa; i sepolcri
con i vasi di grano e di lupini;
la folla delle donne al forno
per cuocere fiadone e panettone;
le campane legate; i bambini
che chiamano alla messa
girando raganelle,
conche e paioli luccicanti al sole.
Il silenzio dell’inverno se n’è andato
per fare un po’ di largo all’allegria.

__________________________
[1] Felice Pannunzio. Molisano di Agnone, dedito alla politica, giornalista, novelliere e poeta. La sua poesia è spesso temperata da un’atmosfera crepuscolare e mitografica, nella quale si percepisce un mai sopito sentimento di nostalgia verso le cose avite e gli affetti dell’infanzi.
[2] Domenico Meo, Abruzzese di Castelguidone (CH), ma agnonese di fatto, lavora alla Asrem di Agnone (IS). Si occupa, in termini scientifici, di dialetto, riti, usi e tradizioni popolari. Tanti i suoi libri, su cui giganteggia il Vocabolario della lingua di Agnone. (Il libro è disponibile telefonando allo 0865 78647)


Copyright Altosannio Magazine
Editing: Enzo C. Delli Quadri 


 

 

 

About Enzo C. Delli Quadri

Agnonese, ex Manager Aziendale, oggi Presidente dell' Associazone ALMOSAVA-ALTOSANNIO (alto molise sangro vastese), da molti anni è impegnato a divulgare l'importanza della RIAGGREGAZIONE di questo territorio, storica culla dei Sanniti che , 50 anni fa, fu smembrato e sottoposto a 4 province e 2 regioni, contro ogni legge morale, economica e demografica.

Un commento

  1. Poesia di grande e delicata efficacia per le numerose immagini evocative, legate – come le campane – alla nostra prima giovinezza.
    Eh si, perché oggi neanche io -donna di 77 anni -trovo più il tempo di coltivare alla penombra un vaso di grano o di lupini per il “seplocro”…oggi PERDO?( o guadagno?) il mio tempo col PC; vorrei non estraniarmi troppo dal mondo circostante che però corre, corre e corre… e stargli dietro che fatica! Ed allora il sepolcro nella mia parrocchia quest’anno l’hanno preparato gli SCOUT-tra loro anche i miei nipoti- semplice, semplicissimo ed anche rozzo, con mattoni vecchi scrostati.
    Ma c’era una bella frase di Fabrizio de Andre’ “ DAI DIAMANTI NON NASCE NIENTE, DAL LETAME NASCONO I FIORI”…Niente male! ed è ancora la POESIA che dà un tocco delicato alle cose.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.