Gamberale

3
1514

gamberale1

 

Comune della  Provincia  di  Chieti  in  Abruzzo .  Negli anni la sua popolazione è scesa, da  un massimo di 1.425 abitanti,  agli attuali 331.

Dati amministrativi
Regione     Abruzzo
Provincia     Chieti
Sindaco     Corrado Varrati (lista civica) dal 27/05/2007

Territorio
Altitudine     1343 m s.l.m.
Superficie     15 km²
Abitanti     331 (31-12-2010)
Densità     22,07 ab./km²
Frazioni     Casale Stazione, Casale Tesoro, Piane d’Ischia, Sant’Antonio
Comuni confinanti :  Ateleta (AQ), Castel del Giudice (IS), Montenerodomo, Palena, Pizzoferrato, Sant’Angelo del Pesco (IS)

Altre informazioni
Nome abitanti   gamberalesi
Patrono     san Lorenzo
Giorno festivo   10 agosto

Storia
L’origine è da ricollegarsi nel Medioevo, come attesta il nome del paese deriverebbe da gamhall(os) che significa socio, quindi il nome diventò Gamalarius-erius, ma le prime notizie certe sono da ricercarsi nel XII secolo. quando viene chiamato Gambarum. Le sue case sono attorniate attorno al castello che risale al XIII secolo.[2] Una stima del 1320 valutò il paese 5 once, 29 tari e 19 grani. Le notizie successive vanno ricercate nel 1308. nel 1309, nel 1323 e nel 1326 per le decime ai monaci Gamerarri, de Gamerario e Gamararus. Nel XV secolo fu feudo di Rainaldo Anichino, nel XVI secolo di Giovanni Maria Annechini, poi di Giovanni Crispano, indi venne venduto a Giuseppe Mellucci per 500 ducati, poi fu del marchese Odoardo Benedetti, nobile della provincia dell’Aquila, infine il 14 aprile 1777 dei Mascitelli di Atessa che furono gli ultimi baroni.

Monumenti e luoghi d’interesse
Chiesa parrocchiale di San Lorenzo Martire. Chiesa ad un’unica navata con campanile a ridosso su di un lato. È in stile moderno Gamberale-chiesaed ha coronamento a capanna.
Chiesa di Sant’Antonio. Si trova nella frazione Piano d’Ischia. È stata costruita nel II° dopoguerra. L’interno è ad un’unica navata con tre campate con Volta a botte e presbiterio. La facciata è semplice con coronamento a capanna.
Casa Pollice. È sita in piazza San Lorenzo presso uno degli ingressi al paesello abruzzese. L’edificio è a tre piani. La prima costruzione del palazzo viene fatta risalire al XVI secolo. Unico segno d’interesse del palazzo è il portale in pietra calcarea inserito in due contrafforti al centro della facciata principale.
Il Castello. È sito nella parte più alta del centro storico a Piazza Castello. Attualmente, all’interno, una delle sale è adibita a sala riunioni del comune del paese stesso. La struttura è in stile medievale costruito, verosimilmente su una preesistente chiesa. Un’iscrizione della facciata principale il castello è stato restaurato nel 1881 grazie a Pasquale Bucci, altri restauri sono dovuti alla distruzione della II guerra mondiale e del terremoto del 1984, quest’ultimo restauro donò al castello l’attuale aspetto pseudo-medievale. Le grondaie fanno penetrare tracce di umidità all’interno. Le facciate esterne sono intonacate di bianco che fanno da contrasto alle parti in pietra. La torre è provvista di merlatura in pietra.
Nelle vicinanze il Parco nazionale della Maiella

Onorificenze
Medaglia d’argento al merito civile – nastrino per uniforme ordinaria     Medaglia d’argento al merito civile
«Centro strategicamente importante, occupato dalle truppe tedesche impegnate a bloccare l’avanzata alleata sulla linea Gustav, subiva la perdita di numerosi suoi concittadini, vittime delle mine anti-uomo sparse sul territorio, di violenti cannoneggiamenti e fucilazioni. Ammirevole esempio di spirito di sacrificio e di amor patrio.»
— Gamberale (CH), 1943 – 1945

Personalità legate a Gamberale

Donald P. Bellisario, produttore televisivo
Troian Bellisario, attrice

Folklore
Agosto: sagra della pecora
10 agosto: Festa di San Lorenzo.

 Gamberale_inverno-490

Fonte: Wikipedia; editing e foto a cura di Enzo C. Delli Quadri

3 Commenti

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.