FRA’ GIUVANNE – FRA’ GIOVANNI

0
502

di  Benedetto di Sciullo e Giovanni Mariano del comune di Fallo (Ch)

 

Ci stave nu viecchie c’onne chiamave Frà Giuvanne picchè sempre prigave.
C’era un vecchio che chiamavano Fra’ Giovanni perché era molto religioso e pregava sempre.

La iente diceve ca ere tante ricche e ca tineve li solde dentre a na cascette annascuoste sotte a lu liette.
La gente diceva che era molto ricco e che teneva i soldi dentro una cassetta nascosta sotto al letto.

Nu iuorre, n’ome chi i vuleva arrubbà li solde, sagliette sobbre a lu titte e da dentre la ciumminere cumenzette a dice:
Un giorno, un uomo che gli voleva rubare i soldi salì sul tetto e, da dentro la cappa del camino, cominciò a dire:

Saglie, saglie Fra’ Giuvanne
Ca a lu ciele ti vò Gesù
Saglie prime la cascette
E doppe saglie tu.

Sali, sali Fra’ Giovanni
Chè in cielo ti vuole Gesù
Sali prima la cassetta
E dopo sali tu.

Lu viecchie, sintenneze chiamà da dentre a la ciumminere, pinzette addavere ca ere Gesù chi lu chiamave picchè era arriviete l’ora sé e addummannette si puteve saglie nciele senza cumpissàreze né cummunicàreze.
Il vecchio, sentendosi chiamare da dentro il camino, pensò veramente che fosse Gesù che lo chiamava perché era giunta la sua ora e domandò se poteva salire in cielo senza confessarsi né comunicarsi.

L’ome, da sobbra a lu titte, i’arispunnette ca siccome era state sempre accuscì divote, n’aveve bisuogne di cumpissareze, abbastave chi zi purtasse nchi isse la cascette e iaripitette:
L’uomo, da sopra al tetto, gli rispose che siccome era stato sempre così devoto, non aveva bisogno di confessarsi, bastava che portasse con lui la cassetta e gli ripeté:

Saglie, saglie Fra’ Giuvanne
Ca a lu ciele ti vò Gesù
Saglie prime la cascette
E doppe saglie tu.

Sali, sali Fra’ Giovanni
Chè in cielo ti vuole Gesù
Sali prima la cassetta
E dopo sali tu.

Frà Giuvanne zi cummincette: iette a pigliè la cascette, mittette na segge sotte a la ciumminere, ci sagliette sobbre e facette passà la cascette dentre a la ciumminere.
Fra’ Giovanni si convinse: andò a prendere la cassetta, mise una sedia sotto la bocca del camino, ci salì sopra e fece passare la cassetta dentro la cappa.

Accuscì l’ome chi stave sobbre a lu titte zi pigliette la cascette nchi tutte li solde.
Così, l’uomo che si trovava sopra al tetto si prese la cassetta con tutti i soldi.

 

 

Ancora oggi, quando si parla di Cascette di Fra’ Giuvanne, ci si riferisce ad un contenitore il cui aspetto esteriore lascia molto a desiderare, ma il cui contenuto di solito riserva delle piacevolissime sorprese.  

-.-.-.-.-

Da Pasquale Patriarca di Castel di Sangro apprendiamo il seguito (in castellano), il che dimostra ancora una volta come le terre dell’alto molise sangro vastese siano dei vasi comunicanti che solo degli idioti hanno spezzettato e portato sotto 4 province.

 

“Passatt tiemp e ru pov’r Fra Giuann, ca era nu rumit e faceva le lemosine, c’ arr facett na bella casc’tella, e la gent d’ceva ca t’neva nu sacc d’ sold dentr a sta cascetta.
Passa del tempo e il povero Giovanni che chiedeve le elemosine, si rifece una bella cassetta e la gene diceva che teneva un sacco di soldi dentro quella cassetta

e allora nu furbacchion penzatt d’ arr farl la stessa frecatura. Iett d’ nott ‘ncoppa arru titt e dalla ciumm’nera cantava
e allore un furbacchione pensò di fargli la stessa fregatura, Andò di notte sul tetto e dal camino cantò:

“Allegra Fra Giuann – ca ‘nciel t vo Gesu’
Ammena pr’sutt e lard – attacca la casc’tella
E appriess t’ n’ vie tu !!!! “

Allegro Fra Giovanni . che in cielo di vuol Gesù
Lancia prosciutto e lardo –  lega la cassetta
e dopo vieni tu

C’affaccia Fra Giuann arru camin e r arrsponn
EH, BUON GESU’ …… M’ FRECHIST ‘NDARN
MA NN M’ FRICH CCHIU’
Si affaccia Fra Giovanni al camino e risponde:
Eh, Buon Gesù…….Mi fregasti allora
ma non mi freghi più.

-.-.-.-.-

Se questo articolo ti è piaciuto, condividilo su facebook o su twetter,
cliccando sui tasti corrispondenti, in alto, A SINISTRA.

Se pensi che possa piacere anche ad un tuo amico,
iscrivilo alla newsletter, digitando il suo indirizzo e-mail
nell’apposito spazio in alto A DESTRA

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.