Filastrocche di San Giuseppe e Settimana Santa

0
1955

a cura di Maria Delli Quadri [1]

SAN GIUSEPPE  (19 marzo grande festa religiosa)

San Giuseppe gloriso
sposo amato di Maria
Fammi tu da buona guida
per passar la giusta via

LA SETTIMANA SANTA

Addman è giuvdì sant
e la Madonna s’ mette ru mant
ed aveva da partì.
Incontrò san Giovanni
“O Maria, perchè tu piangi?”
“Io piango dal dolore,
che ho perduto il Salvatore”
“Va’ alla casa di Pilato
che lo trovi incatenato”
Tupp Tupp “Chia è?”
“So Maria la mamma te’”
“Mamma, mamma nen t’ pozz aprì
ca r giudei m’ fann murì”.

Versione segnalata da Sonia Bi

Addeman e Giuvdì Sand
E la Madonna S’ mett ru mand
E aveva da partiì
Sola sola S’ n’ iva….
La ‘ngundrett San Giuann
“ oh Maria p’cche tu piange “
“ Io piango dal dolore
ho perduto il Salvatore….”
“ Alla casa d’ Pilat
looc r’ truav ‘ngatnat”
TucTuc “ Chia e ? “
So’ Maria , so’ mamma tea !
Mamma mamma ‘nd pozz aprì
Ca r’ giudei m’ fen murì
C’ sett fun scteng ‘ngatenat
C’ sett chijav scteng arrnzrrat !
Va p’ chella via dritta
Ell truav ru masctr c’ fa r’ chijuv’ !
“ Oh masctr ben galand e ben gendil
Allegramend c’art facit !?
Facc’ r’ chijuv’ p’ Gesù Nazzaren….
R’ chijuav farr curt e s’ttil
C’hena passá L’ carn’
d’ ru figlie mia ggendil….
Loc’arret sctava P’lat
R’ chijuav ena ess’ lung lat’ e gruass,
c’hena passá polpa cusctat’ e uass !!!
A s’ndì tanda nuvella
Maria s’ jettett d’ faccia ‘nderra,
d’ lacrme n’ fec’ ‘na fundana…
a San Giuann r’ piad je lavava…..


Nelle mie ricerche su antichi detti, proverbi e citazioni, mi sono imbattuta in alcune filastrocche scherzose o di carattere religioso che riflettono, soprattutto queste ultime, l’ingenuità, ma anche la grande fede dei nostri antenati. Simili antiche costumanze, anello che ci lega ai padri , ricordano un passato quasi primitivo che va man mano scomparendo, sotto l’influsso delle nuove civiltà, della tecnologia e di altre usanze importate anche da paesi stranieri. Tutto ciò è un fatto positivo, perché mostra che il paese si evolve verso modelli diversi di civiltà, ma nello stesso tempo ci induce a riflettere, anche con una certa malinconia, che i buoni costumi dei nostri padri prima o poi spariranno e noi stessi saremo costretti a dimenticare le antiche tradizioni. Forse è giusto che sia così. Le generazioni si succedono (in media quattro ogni cento anni);  è fatale che gli usi e i costumi si trasformino ed ogni epoca abbia le sue caratteristiche.

______________________________
[1] Maria Delli Quadri, Molisana di Agnone (IS), già Prof.ssa di Lettere oggi in pensione. Ama la musica, la lettura e l’espressione scritta dei suoi sentimenti.

Copyright Altosannio Magazine
Editing: Enzo C. Delli Quadri 

l’Adagio fu scritto da Alessandro Marcello nel 1700 circa e poi fu trascritto da J.S. Bach

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.