Esilio del Cuore

2
328

di Filomena Orlando

Panorama di Agnone (foto di Valentina De Santis)

Esilio del Cuore

Vi fu un tempo
In cui il mio paese mi volle
Con le due tasche
Bucate di poesia…
Mi confondevo
Di gioia
Nei sui vicoli antichi
Intrisi di storie
Di vita
Perse nella rugiada
Della sera
In Mani sporche
Di arte
Che creavano ramati sogni
In armonie
Di campane
Dondolanti
Al suono degli Dei.
Vi fu un tempo
In cui il mio paese mi volle
Con le mie tasche bucate
Di poesia
Ed Ora
Che ha obliato
Il mio povero poetare
Ancor di piu’ io
Lo Amo.


Editing: Enzo C. Delli Quadri 
Copyright: Altosannio Magazine 

2 Commenti

  1. La consapevolezza dell’adulto, che nella prosa della vita ama ancora l’arte , induce anche ad amare sempre più le proprie origini… consapevolezza ben manifesta in questa bella poesia!

  2. Grazie a Dio, la patria della poesia è l’intero mondo e lì, quando è vera poesia, c’è chi non può dimenticare.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here