Eppur si muove: L’onorevole Paolo Tancredi ci scrive

2
576

 

Aumenta il numero degli amici dell’ ALTOSANNIO (ALMOSAVA vale a dire ALTO MOLISE SANGRO VASTESE, la terra che diede i natali alla gens Sannita), convinti assertori della necessità di riaggregare i territori regionali secondo logiche che abbiano rispetto delle loro tradizioni storiche-culturali-linguistiche e riguardo alle nuove esigenze economiche e sociali che la modernità determina. (nota di Enzo C. Delli Quadri)

Paolo Tancredi

Paolo Tancredi è nato in terra d’ Abruzzo, a Teramo il 22 gennaio del 1966. Nel 1993 ha sposato Carla Ortolani – docente al Conservatorio di musica “A. Casella” dell’Aquila. Appassionato di letteratura italiana e straniera. Appassionato conoscitore del Gran Sasso, cosciente ambientalista che segue con attenzione i temi legati al rispetto dell’ambiente e allo sviluppo sostenibile”. E’ cultore delle tradizioni locali.
In politica: 1999 – Consigliere comunale di Teramo – 2003 Coordinatore di Forza Italia – 2005 Consigliere regionale dell’Abruzzo – 2008 Senatore della Repubblica – 2013 Deputato della repubblica.

.

Le reazioni alla proposta di fusione tra Marche, Abruzzo e Molise in una nuova «Regione Adriatica» sono state contrastanti, come avviene ogniqualvolta rispunta l’ipotesi sul dimezzamento delle Regioni italiane. Colgo quindi l’invito che mi è stato rivolto dagli amici di Almosava per tornare sulla questione, rassicurando gli esponenti politici molisani che si sono espressi contro il progetto invitandoli a un dibattito non partigiano sulle riforme possibili.

Blog e siti Internet suggeriscono che ci sarebbe già un mio disegno di legge pronto sul tavolo del Governo. Non è vero. Se la stampa ha le sue regole, la politica dovrebbe esercitarsi in una dialettica che vada oltre il bellettrismo – restando sul merito delle proposte. Capisco che il progetto di fusione venga percepito come una minaccia alle identità, alle tradizioni, alle autonomie locali e sono il primo a difenderle: qualsiasi idea di modifica dell’impianto regionale deve partire dal basso, dai cittadini, dalle Comunità, dalla partecipazione delle popolazioni e dei loro rappresentanti nelle istituzioni. Ma chiediamoci se quelle parole hanno lo stesso significato di un tempo o se invece diventano il paravento per dissimulare un eccesso di particolarismo.

Gian Mario Spacca

Occorre ripensare le “frontiere” interne del nostro Paese per cogliere la sfida offerta dal mutamento di quelle esterne. E non è detto che la nuova Regione Adriatica conservi in modo intangibile gli attuali confini di Marche Abruzzo e Molise, sul tavolo ci sono infatti diverse ipotesi di modifica territoriale. La riunificazione tra Abruzzo e Molise verso il Nord Italia, da una parte. La fusione dei Comuni del Sannio con la provincia di Benevento (il «Molisannio») oppure l’accorpamento del Molise con la Capitanata (la «Moldaunia») verso il Sud Italia, dall’altra. Una non esclude l’altra. Se praticabili, queste proposte hanno la stessa dignità davanti alla cittadinanza.

I confini si spostano e altri fenomeni di “assestamento” potrebbero verificarsi nel nord della «Marca», con il passaggio delle province di Pesaro e Urbino alla Emilia Romagna. Saranno i cittadini a scegliere: l’autodeterminazione dell’Adriatico passa da una legge di revisione costituzionale che ha nel referendum il suo ultimo appello. Servono allora atti concreti, i Comuni dovrebbero innescare il processo di fusione grazie allo sforzo congiunto di comitati, gruppi organizzati, associazionismo, mondo imprenditoriale e parti sociali, sollecitando i sindaci a scegliere in una direzione o nell’altra.

Penso ad Agnone, con i suoi panorami mozzafiato e l’antichissima fonderia di campane, a Capracotta, Trivento, alle comunità montane che scendono verso il mare fino a Termoli e a Vasto. Saranno questi territori a compiere per primi il grande passo?

Capracotta

Il nanismo tipico dell’attuale assetto regionale italiano in Molise ha prodotto isole dominate dalla contrazione demografica. Denatalità, emigrazione verso l’estero e processi di urbanizzazione interni hanno spopolato pezzi dell’alto Molise spingendoci a rileggere in controluce la scelta compiuta nel 1970 di dividere in due la provincia di Campobasso. Chi teme che la fusione tra Abruzzo, Marche e Molise intacchi l’autonomia regionale dovrebbe riflettere sul fatto che la riduzione delle Regioni contribuirebbe a rafforzare l’impianto federale e il decentramento amministrativo, superando la costosa e spesso inefficiente macchina pubblica. Nel corso degli anni lo Zuccherificio del Molise ha assorbito milioni di euro di capitali pubblici ma oggi è finito in liquidazione e si spera in qualche multinazionale estera per salvarlo.

La verità è che assistenzialismo e burocratizzazione hanno imprigionato le forze vive del lavoro e dell’impresa, moltiplicando il debito, deprimendo il capitale umano e bloccando la crescita e lo sviluppo della nostra società. Bisogna centralizzare le competenze, ritrovare efficienza e competitività, ridurre i costi della politica e favorire la sussidiarietà. Per questo e molto altro serve una nuova Regione Adriatica.

Paolo Tancredi (Deputato Pdl)

 

2 Commenti

  1. SONO D’ACCORDO CON TANCREDI IL MOLISE DA SOLO NON E IN GRADO DI RESISTERE IL MIGLIOR APPARENTAMENTO E SICURAMENTE CON L ABRUZZO E LE MARCHE CERCANDO DI NON FARSI TRAVOLGERE

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.