Due poli scolastici a dividere ciò che dovrebbe essere più unito

0
576

Di Enzo C. Delli Quadri

Una buccia di ASSOMAB, 3 spruzzi di prepotenza, 5 gocce di ascarismo, mezzo bicchiere di divisionismo, 3 cucchiai di miopia, aggiungete, quanto basta, campanilismo ed egoismo, agitate ben bene e otterrete il giusto propellente per produrre decisioni al limite dell’incredibile, quale quella che sarebbe alla base della creazione di due poli scolastici che dividerebbero ancor di più un territorio come quello dell’Alto Molise che già deve subire le disastrose conseguenze della divisione di un territorio omogeneo come quello dell’Almosava-ALTOSANNIO, tra due regioni e 4 province.
Ecco, difatti, l’ultima assurdità di politici, dirigenti e amministratori locali riguardante il progetto di ridimensionamento delle istituzioni scolastiche della (ex) provincia di Isernia: Ci sarebbe un polo scolastico ad Agnone comprendente tutte le scuole dalla materna alle superiori (circa 700 alunni): e fin qui nulla da dire… L’assurdo è che verrà creato un altro polo a Carovilli, comprendente le scuole di Capracotta e Pietrabbondante insieme (allucinante!) a quelle di Carpinone, Pesche, Pettoranello, Miranda, etc

Ma non sarebbe più logico e lungimirante un unico polo dell’Alto Molise (con più di mille alunni) e lasciare gli altri paesi alla loro amata Isernia

L’Alto Molise dunque verrà spaccato in due, alla faccia delle comuni identità  Che dire?

Da quasi due anni, Almosava cerca di far capire l’importanza di essere uniti per sconfiggere il deserto demografico, patrimoniale, economico e morale che si prospetta davanti ai paesi di montagna di confine tra Abruzzo e Molise, e alcuni amministratori sembra facciano apposta a dividersi e isolarsi, fino a rendere improduttiva alcuna ipotesi di risveglio dell’alto Molise, dell’alto Sangro e dell’alto Vastese, territorio cuore della Prima Italia (Viteliú). Più verosimile é quanto viene affermando Albino Iacovone ex amministratore di Castelverrino che i sindaci hanno sulle spalle pesi ingombranti di sudditanza dal politico regionale di turno oppure hanno una visione troppa ristretta ai propri “orticelli”; op-pure, ancora, conservano quel modo campanilistico di affrontare le sfide del futuro.

Enzo C. Delli Quadri
Presidente Almosava

 

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.