Ddu Paijuse Derempette: Muntefalcheone e Celenze 

1
598

di Marisa Gallo

Ddu Paijuse Derempette, Muntefalcheone e Celenze 

Quande Iolande z’assettave
sotte a l’archetrave de la porte
ere pe z’arpusà le vracce stanche…
Ma le maine cuntenuavane
a sgranà le poste de lu rusarie…
L’ucchie da siule ive a la mendagne de fronte,
a la casa saè,
veciuine a lu muluine
ch’addurave de faruine…

Quand’anne so’ passate!!?

Mo’ la casarelle è abbandunate…
Mo’ ‘nchella segge
nen z’azzesse cchiù nisciune!
Mo’ chella porte ha perze lu culore,
lu culore de lu bosche de uttobbre,
che sapoeve de freische
e brillaeve ‘nche le stelle …

Quand’anne so’ passate! ?

Mo nisciune guarde verse Muntefalcheone,
addò forse nen ce stà cchiù
manche lu muluine
ch’addurava de faruine …
Sole la pinete verde a lu muocchie
ze vede ancore bbone, da Celenze……


 

Due paesi un di fronte all’altro
Montefalcone e Celenza

Quando Iolanda si sedeva
sotto l’arco della porta,
era per riposare le stanche braccia…
Ma le mani continuavano
a sgranare le poste del rosario.
L’occhio andava alla montagna di fronte,
alla sua casa,
vicino al mulino, che odorava di farina.

Quanti anni son passati!!!?

Or la casa è abbandonata..
Or su quella sedia
non si siede più nessuno!
Or quella porta ha perso ogni colore,
il colore del bosco in ottobre,
che sapeva di fresco
e brillavano anche le stelle.

Quanti anni son passati!?

Or nessuno guarda verso Montefalcone
dove forse non c’è più neanche il mulino
che odorava di farina…

Solo la verde pineta alla macchia
ancor si vede bene da Celenza…


Editing: Enzo C. Delli Quadri 
Copyright: Altosannio Magazine 

1 COMMENTO

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.