Dəvòrziə ndìembə də crisi

0
984

Poesia di Antonino Patriarca[1] tratta dal libro “Poeti Dialettali di Agnone” curato da Domenico Meo[2] con Musica latina con fisarmonica e sax e l’editing di Enzo C. Delli Quadri

crisi-coniugali-e-salute

Dəvòrziə ndìembə də crisi

«Avvucà só mənuta appéna jùornə,
m’ajja ləvà maritəmə da tórnə
ajjə arsəštìutə, ajjə ngurpuratə
ma méuuə ru fégatə s’é ngrussatə;
alla spusata jójjə ggià éva fritta
ajjaprìettə la vócca: Ma štattə zitta».
«Sci mógliəma e la casa nn’é la tajja
ècchə cummanna schitta mamma majja»,
m’avìetta mandənajjə véramèndə:
«Ma chi tə rə tòcca ssu munumèndə»,
eh. . . ma na càusa la pròpria sbaglìattə:
«Faccə mənójjə éssa chə té arru lìattə»,
ssə pó l’ajja dicərə spassiùnata
nn’é bbùonə manghə a fa chélla maššiàta,
va truuànnə rəštóccəra e canzìunə
ššéma də mé! éva cagnìe calzìunə.
R’accarézzə e tìembə nu mənìutə
ru tabbacchéunə ggià s’é ddurmìutə.
«Avvucà, ngə pòzzə passà a ssə faccènnə
saca rə tòjjə schitta pəcché jə pènnə.
Nzó sbuccata, schəsòtəmə ru sféuchə
ma ssə quóirə nn’appóila manghə léuchə.
Quànda é? ngə vùogliə mənójjə spissə,
tuttə ssə sòldə! ma ngə valə manghə issə».
Pə spusà papà s’avètta ndəbbətà
mə còšta də cchjù pə mannarrə a cacà.
«Caro avvocato é mègliə ca ndə nghìezzə
c’arvədàimə gn’arcàlanə rə prìezzə,
pə pagà a té nn’accattə cchjù lə panə
ma mó mə rə tìenghə quìrə cacalanə,
rə šturzéssə, pòzza jəttà lə vəlòinə,
m’a ssə prìezzə, sìuuə gna jə vùogliə bbòinə!».

Divorzio in tempo di crisi

«Avvocato sono venuta di buon mattino
debbo levarmi mio marito di torno
ho resistito, ho incorporato
ma adesso il fegato si è ingrossato;
appena sposata ero già fritta
aprii la bocca: Ma stai zitta».
«Sei mia moglie e la casa non è tua
qui comanda solo mia madre»,
mi dovetti mantenere veramente:
«Ma chi te lo tocca quel monumento»,
eh. . . ma una cosa la proprio sbagliai:
«Facci venire lei al letto con te»,
se poi la devo dire spassionata
non è buono neanche a fare quella cosa,
cerca scuse, trova attenuanti
sono stata scema a non trovare un altro uomo.
Lo accarezzo e tempo un minuto
il fessacchiotto si è già addormentato.
«Avvocato non tollero questa situazione
forse ce l’ha solo perchè gli pende.
Non sono sboccata, ma scusatemi lo sfogo
ma se quello non azzecca neanche lì.
Quant’è, ché non ci voglio venire spesso,
tutti quei soldi! ma se non li vale neanche lui».
Per sposarmi mio padre si dovette indebitare
mi costa di più per mandarlo via.
«Caro avvocato è meglio che non te la prendi
ci rivediamo quando scendono i prezzi,
per pagarvi non mi compro più il pane
ma mo me lo tengo quel moscione,
lo strozzerei, possa buttare il veleno,
ma a questi prezzi, come gli voglio bene!».

 

_______________________
[1] Antonino Patriarca. Nasce ad Agnone il 24 gennaio 1961 e nella sua cittadina completa il percorso di studi nel 1980, acquisendo il diploma di perito elettrotecnico. Sin da bambino lavora nel forno di famiglia e a tutt’oggi ne continua l’antica tradizione con impegno e passione. Appena adolescente scrive le prime composizioni in vernacolo e agli albori degli anni Ottanta recita con la compagnia le 4 C. Sempre in questo periodo, su Radio Agnone Uno, insieme con Domenico Meo, trasmette il programma di folklore Ru canzuniérə d’Agnéunə. Predilige la poesia umoristica, divertente e ricca di satira. Più che dai versi, viene attratto dal teatro in vernacolo e in qualità di autore scrive quasi venti commedie. Già attore della compagnia teatrale le 4C, nel 1983, esordisce come artefice del copione con Chi desprezza accatta (Chi disprezza compra), a cui seguono altre rappresentazioni. Nel 2002 fonda la compagnia teatrale I giocondieri e nella prima esibisione ripropone Loite nfamiglia (Lite in famiglia). Altre recitazioni ben riuscite sono: La parendezza (La festa prima del matrimonio con i parenti stretti) e Adduvoina chi è patreme (Indovina chi è mio padre). Con i Giocondieri partecipa al Festival Nazionale del Teatro Popolare e della Tradizione, “G. Guerrizio”, a Campobasso, dove nel 2012 con Natale puverielle (Natale poverello) vince il premio “miglior autore” al Festival del teatro amatoriale dialettale “T. Armagno”.
[2] Domenico Meo, Abruzzese di Castelguidone (CH), ma agnonese di fatto, lavora alla Asrem di Agnone (IS). Si occupa, in termini scientifici, di dialetto, riti, usi e tradizioni popolari. Tanti i suoi libri, su cui giganteggia il Vocabolario della lingua di Agnone. . In questo suo ultimo lavoro Domenico Meo opera per resistere contro il livellamento estremo della globalizzazione, ridando luce e voce alle tante bellissime sfumature del nostro dialetto, attraverso la scoperta o la riscoperta dei nostri Poeti Dialettali. (Il libro è disponibile telefonando allo 0865 78647)

[divider]

 

 

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.