DA UN “CUORE” DI ANNI FA: IL NONNO RICORDA…

0
947

cuore2Nella scuola elementare di Agnone, negli anni che vanno da 1961 al 1968, si stampava un giornalino dal titolo “Cuore” che pubblicava i pensierini dei bambini.
Sembra proprio di ascoltare, attraverso le parole di Lucia Rossella Pannunzio, la voce narrante, quella di un nonno che racconta della sua vita passata, quando non c’erano le macchine né la luce elettrica e quando “i bambini … erano meno fortunati di noi”

 

IL NONNO RICORDA…
di Lucia Rosella Pannunzio – classe 4°- Gennaio 1963

auto
La “carrozza senza cavalli” – Agnone – Anni ’30 (dall’album di Franco Valente)

Il nonno mi ha raccontato delle cose che mi hanno divertita tanto. Mi ha detto che ricorda quando venne in Agnone la prima automobile. Tutti i ragazzi, vedendola arrivare da lontano, si misero a gridare: “Viene la carrozza senza cavalli, venitela a vedere”. Era una macchina con ruote altissime e passò lentamente per le vie del paese, seguita da una folla di ragazzi meravigliati, perché vedevano per la prima volta quella novità.

Poi mi ha detto che la luce elettrica che oggi risplende come un sole per le strade e nelle case, non c’era in Agnone tanti anni fa. Quando egli era bambino e andava a scuola, doveva studiare la sera al lume di una lucernetta ad olio appesa alla catena del camino. Per le strade si accendevano i fanali. Un uomo, col buon tempo o col cattivo tempo, si metteva una scala sulle spalle e si fermava sotto ad ogni lampione. lampionaioAppoggiava la scala al muro e saliva tenendo fra le mani la scatola dei fiammiferi. C’erano sempre dei ragazzi mentre egli apriva la porta di vetro del lampione e accendeva lo stoppino. Sotto quel lume si radunavano subito tanti bambini e giocavano.

I bambini di quel tempo erano meno fortunati di noi.

 

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.