Comm’eva doce l’aria chella sera

2
1091

Poesia di Bruno Marinelli [1]

sera di primavera

Comm’eva doce l’aria chella sera

Comm’eva doce l’aria chella sera,
la terra s’eva, già, vestuta a festa
che re culure d’ la primmavera,
…senza uardarme me deciste “ ’bbasta ”.
Vuleva di’: “ pecchè ” ma nun serviva,
parlava già, pe’ te, ru sguarde vasce.
Mentre l’amare mocca me gliutteva,
cercava d’annasconne r’uocchie rusce.
Ru munne, lappellà, se sprufunnava,
e tu deciste sule : ” pe’ favore”,
mentr’i’ sentiva l’aria che mancava,
“se m’arrdai le lettere d’ammore”.
La luce d’ la luna arreschiarava
chella viarella ‘ddò passava gente
che ce uardava e che ce salutava,
…che r’uocchie mbusse, i’ nun vdeva niente.
Dentr’a ‘nu trature le truvai,
“ammore mije, te voglie bene assaje”
‘ncoppe a ‘na carta rosa stava scritte,
“e, ‘nnanze a Ddije, i’ nun te lasse mai”.
Le fronne luccecavane d’acquare,
la terra susperava: “è primmavera”,
le lacreme calàvane assaje amare,
…comm’eva doce l’aria chella sera.

 

Com’era dolce l’aria quella sera,

Com’era dolce l’aria quella sera,
la terra si era, già, vestita a festa
con i colori della primavera,
…senza guardarmi mi dicesti “ è finita”.
Volevo chiederti “perché”, ma non serviva,
diceva tutto il tuo sguardo basso.
Mentre inghiottivo l’amaro che avevo nella bocca
cercavo di nascondere gli occhi rossi.
Il mondo, all’improvviso, sprofondava,
e tu dicesti solo: “per favore”,
mentre sentivo che mi mancava l’aria,
“se mi restituisci le lettere d’amore”.
La luce della luna rischiarava
quella stradina dove passava la gente
che ci guardava e che ci salutava,
…con gli occhi bagnati, io non vedevo nulla.
Le trovai dentro un tiretto,
“amore mio, ti voglio molto bene”,
c’era scritto sopra un foglio di colore rosa,
“e, davanti a Dio, dico che non ti lascerò mai.
Le chiome degli alberi brillavano di rugiada,
la terra sospirava: “è primavera”,
scendevano lacrime molto amare,
…com’era dolce l’aria quella sera.

 

____________________________________
[1] Bruno Marinelli, molisano di Rionero Sannitico, costretto ad abbandonare gli studi universitari per dedicarsi al lavoro in banca, ha operato nel sindacato, senza mai abbandonare la sua passione per la poesia dialettale.

Copyright Altosannio Magazine
Editing: Enzo C. Delli Quadri 

2 Commenti

  1. Di amori infranti, di cuori abbandonati, di lettere restituite fra innamorati hanno scritto sempre poeti e poetesse in ogni tempo, luogo e paese…ma questa poesia sembra una carezza sul viso del partner con la mano calda d’amore e quindi non desta sofferenza, pur se una lacrima cocente di quell’amore mostra la fine. Ed oggi -8 marzo –è stato ancor più dolce come l’aria di quella sera leggere questa fantastica poesia. Complimenti.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.