Un colpo qua, un colpo là – La Spallata nel Sannio – Attività svolte e in corso

0
606

a cura di Dantina Grosso, con video a fondo articolo

spallata 1

Sabato 21 febbraio a Roma

Si è svolta sabato 21 febbraio la prima tappa de: “La Spallata in trasferta” presso il CIP, Centro di Iniziativa Popolare, di Roma, realtà di riferimento nel Centro Sud, attiva sul fronte della musica, delle danze e dei canti tradizionali nazionali ed internazionali.

L’iniziativa è a cura di Dantina Grosso e Alberi Sonori a cui si affiancano ricercatori, studiosi, suonatori, danzatori, appassionati e cittadini privati, enti e realtà locali, tutti impegnanti a far conoscere, in differenti circuiti culturali, parte di un lavoro di ricerca, recupero e valorizzazione attuato già da alcuni anni e incentrato sulle così dette “Spallate”, famiglia di danze diffusa in un vasto territorio che coincide in buona parte con quello abitato dai Sanniti. Tocca le regioni di Abruzzo, Molise e Campania.

Si tratta di una danza da matrimonio anche se ballata in tanti altri contesti, legata ai riti propiziatori, probabilmente anche ai tratturi e caratterizzata da colpi dati con i fianchi, con le spalle e/o con un piede a terra. Molte varianti sono state introdotte più di recente proprio perché non è stata, in realtà, in alcuni paesini, mai abbandonata. In altri invece si era nascosta agli occhi dei più, nella memoria silenziosa degli abitanti che, interrogati e stimolati, se ne sono riappropriati non solo a livello di orgogliosa identità culturale, ma di esecuzione della stessa.

Questi sono stati alcuni dei risultati dell’iniziativa e del progetto, di più ampio respiro, che ne è a monte intitolato: “Un colpo qua, un colpo là – La Spallata nel Sannio” anche conosciuto come “Spallata Tour” elaborato e promosso sempre da “Alberi Sonori” e Dantina Grosso. L’evento vedeva, lo scorso anno, la sua prima edizione e già:

  • metteva in contatto queste piccole realtà facendo in modo che ognuno conoscesse la Spallata del “Vicino”, scoprendone e imparandone le differenze;
  • diffondeva la conoscenza di queste danze prediligendo la trasmissione diretta dai “Portatori della Tradizione” agli interessati;
  • promuoveva un territorio in cui la cultura rurale è ancora una meravigliosa realtà, secondo la logica del turismo sostenibile insieme a tutti gli attori del territorio.

Questo accadeva nel corso di un mini tour durato tre giorni, il 1-2-3 maggio, in cui i partecipanti hanno avuto modo di visitare e conoscere l’aspetto turistico, culturale e umano dei primi paesini coinvolti dal progetto: Acquaviva Collecroce (Molise), San Giovanni Lipioni (Abruzzo) e Schiavi D’Abruzzo (Abruzzo).

A seguito dei risultati ottenuti dalla prima edizione di “Un colpo qua un colpo là – La Spallata nel Sannio”, della disponibilità e dell’entusiasmo delle comunità coinvolte che, in seguito alla manifestazione, hanno preso consapevolezza di avere un patrimonio culturale molto interessante e prezioso, l’organizzazione ha elaborato eventi correlati, tra cui appunto “La Spallata in trasferta”. Portare “in trasferta” in differenti circuiti culturali parte di questo lavoro di ricerca prendendo in analisi, attraverso seminari e momenti di approfondimento, le Spallate incontrate nel corso del Tour.

Così il giorno 21 febbraio un autobus di 28 persone tra musici, danzatori e appassionati provenienti dai tre comuni protagonisti della prima edizione, Acquaviva Collecroce, San Giovanni Lipioni e Schiavi D’Abruzzo, si sono nuovamente riuniti per uscire dai confini e essere coinvolti in prima persona nel seminario sulle Spallate tenutosi presso i locali del CIP di Roma. Accolto con interesse ed entusiasmo dai partecipanti, il seminario si è concluso in una festa a ballo secondo i canoni tradizionali, grazie anche alla preziosa collaborazione di un’altra importante rappresentante della Spallata in tema di recupero e valorizzazione, Cristina Falasca di origine schiavese. Un ringraziamento va da parte dell’organizzazione a tutti coloro che hanno e continuano a contribuire a questo progetto di rete.

Prossime tappe previste: Bologna e Torino. Un’azione che vuole differenziarsi in quanto prende vita dal territorio, per il territorio.

Spallata a.

Programma delle attività in corso

In attesa della sua II edizione prevista l’1-2-3 Maggio, nel mese di marzo, dal giorno 10 al giorno 15, sono in programma i seguenti appuntamenti:

  • Mercoledì 11 e giovedì 12 marzo – ore 18.00 – 20.00 a Castel di Sangro (AQ) presso la palestra del centro FIT in via Piana Santa Liberata organizzato dall’insegnate di danze tradizionali Dantina Grosso.
  • Sabato 14 marzo – ore 16.30 – 19.00 a Mafalda (CB) presso Agriturismo Collebianco contrada Colle Bianco 2/A organizzato dalla stessa struttura.
  • Domenica 15 marzo – Ore 16.00-18.00 a San Salvo (CH ) presso Centro Culturale A. Moro, Via Istonia n.2
    organizzato dall’ Associazione “Musica in Crescendo”.

Sarà la danzatrice e coreografa francese Nelly Quette, con tutta la saggezza e la leggerezza di una grande Donna, a condurre i partecipanti in un viaggio danzato nello spazio e nel tempo.

Nelly Quette, classe 1944, si occupa, nel percorso di una vita, di danza antica e danza popolare in Italia e Francia oltre che di teatro di piazza. Collabora con registi quali Carlo Boso, Carlo Cecchi, Eugenio Allegri. Conduce numerosi corsi di danza e di dinamica dell’espressione e mette in scena varie opere: Torquemada, Lisistrata, Pamela, L’amante, Antigone.

Un appuntamento da non perdere, il viaggio di una terra che balla.

spallata 2 .

Per iscriversi contattare l’organizzazione

Dantina Grosso – dantinagr@tin.it – cell.3397023672
Cinzia Minotti – cinziaminotti@virgilio.it – cell.3881785169
Pagina Facebook: ”Un colpo qua un colpo là – La Spallata nel Sannio”
sito web www.spallate.it

 .

[divider]

video: spallata di Castiglione M.M.
editing: Enzo C. Delli Quadri

[divider]

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.