Ciellə migratorə – Uccello migratore

7
1189

Gustavo Tempesta Petresine [1]
Uccello-migratore-1

Cielle migratore

E miè ca zə fenìscə quìscte ciélə
’accuòcchia che ‘ssə
marə tand’azzùrrə.
E vòlə, vòlə vòlə e corrə corrə
də juornə e nottə senza sctangàrmə l’alə
déndrə a ‘ssa nottə e arrə juornə angòra
‘n gimə a desiértə senza pruvà arsùra.

Suòlə, sə purə tanda cumbagnìa
pigula all’alba e canda all’aurora.

Chescta natura ca m’ha fattə ciéllə
me fa uardà chiss’aldrə criaturə:

La volpa ca ze ficca arrə cavùtə
e z’arrepàra darrə friddə viérnə.
Rə vervenə ch’ è sciùtə dalla terra
ca mendrə va sctruscènnə e angòra chiovə
mo z’abberrìta mmiézzə a ‘na fugliétta
e z’accartòccia, e escə quanda scchiovə.

Sòlə iə vajə gerénnə gné ‘nə scémə
e da ‘nə cuàpə all’uàldrə də ‘sctə munnə
cə sctà ‘na callamìta ca m’attìra.

Chemmuò nə dormə miè e nə tienghə suònnə!

So viaggiatorə senza ‘na baligia
e quand’arrìvə, prima ca rə corə
zə férma e m’abbandona pə la via,
lassə l’eredità də ‘nə dulòrə.

Se fussə préta ‘mmiézzə allə mundàgnə
mə sctéssə ‘ngacannàtə senza ‘ngùsctia?
Senza canòscə malə e senza bbénə?

Fussə lə sctéssə fruttə de natura.

Sə mə fermàssə ‘ngìmə a chescta rama
e veə candàssə la canzona méa,
tuttə decésserə “chescta cosa è sctrana,
chə va candénnə ca n’è primavera”

E mə passasserə vecìnə nə vedènnemə
e s’atturuàsserə lə récchiə chə lə miénə.

Nə è felice chi ‘nə trova puse
Jènnə cercànnə ‘na canzona nova

Poverə Amorə mé t’jénə lassàtə,
t’jénə annascuòsctə e ascì chiù nə ‘n de truovə,
ma ‘n gapə m’arrendòna ‘ssa canzòna;
la vajə candènnə suòle, e mə nə mòrə.

Uccello migratore 1

Uccello migratore

 Mai che finisca questo cielo
confuso con l’azzurro del mare.
Io volo, volo, volo e corro corro
di giorno e notte senza stancarmi le ali.
Dentro le notti e dentro i giorni, ancora
sopra deserti senza provare arsura

Solo, seppure tanta compagnia
pigola all’alba e canta all’aurora

Questa natura che mi ha fatto uccello
mi fa invidiare le altre creature:

la volpe che si rintana cercando
riparo dal freddo inverno,
il lombrico uscito dalla terra
nel mentre che strofina ancora piove
si rannicchia nel mezzo di una foglia,
aspetta il suo sereno, quando spiove

solo io girovago istupidito
da un capo all’altro di questo mondo
attirato da una forza che non conosco

Perché non dormo mai, e non ho sonno!

Sono viaggiatore senza bagaglio
e quando atterro, prima che il cuore
si fermi in una strada, lascio l’eredità del mio dolore

Se fossi pietra in mezzo alla montagna
sarei dispensato dagli affanni?
Senza conoscere il bene e il male?

Anche così sarei un frutto di Natura

Se mi fermassi sopra un  ramo
cantandovi la mia canzone
tutti direbbero “che cosa strana
canta e non è ancora primavera”

Mi passerebbero vicino non vedendomi
tappandosi le orecchie con le mani.

Non è felice chi non trova pace
cercando il motivo di una canzone nuova

Povero Amore mio ti hanno lasciato.
Ti hanno nascosto e più non ti si trova
Ma in testa mi rimbomba una canzone,
vado cantandola solo, estasiandomi.

.

Nota: le strofe sono scritte così come le vedi, per creare una dissonanza da quelle che potrebbero essere allegoria a quelle che confinano con la metafora.

____________________
[1] Gustavo Tempesta Petresine: Molisano di Pescopennataro (IS), si definisce “ignorante congenito, allievo di Socrate e Paperino”. Ama la prosa e la poesia, cui dedica molto del suo tempo, con risultati eccezionali, considerati i premi conseguiti e la stima di tutti.

Editing: Enzo C. Delli Quadri
Copyright Altosannio Magazine

 

 

7 Commenti

  1. guarda, mi è piaciuta molto. Soprattutto perchè solo la lingua madre, il dialetto, rende bene l’idea di ciò che si vuole esprimere.

  2. Gustavo caro, tu riesci a entrare nei cuori e trizzarli tra le mani, ma non fai danni fai solo il poeta, ogni volta che vedo una tua lirica mi precipito a leggerla. Grazie

  3. Poesia impegnativa, che per gustare appieno ho dovuto rileggere più volte. Al “primo volo” insieme all’uccello migratore se ne coglie la profondità che aleggia su tutta la LIRICA. Poi il significato si gusta meglio, ( GUSTAVO all’imperfetto , ma perché se io la rileggo la gusto ancora ora al presente? !) e allora -lirismo metaforico o allegorico che sia- poiché distinguere il BELLO dal BELLO a me pare impossibile io la prendo in TOTO e dico:-Ancora vola così caro poeta!
    NOTA : io la leggo in lingua e mi piace …quindi ancor più piacerà a chi si ritrova nella sua lingua madre, il dialetto.

  4. Davvero bella per il senso profondo e musicalità. Devo leggere qualche volta in più perché dialetto un po’ diverso da quello abruzzese, anche se nella vicina Molise son vissuto da ragazzo e all’epoca avevo fatto l’orecchio a quella sonorità. Riflessione sul proprio destino, sul voler guardare qualche volta all’altro pensando che viva una vita migliore, ma poi subentra l’orgoglio di volare alto, il che non è di tutti, e di sapere che in fondo ognuno ha una missione. Dico sempre che la poesia è di chi la legge; ed io così la leggo. Complimenti, Gustavo!

  5. Molto bella, profonda e complessa è la poesia di Gustavo Tempesta Petresine …
    Come al solito, bisogna leggere la poesia con calma, più volte, cercando di “assaporare” i ricercati termini dialettali.
    Cercando, poi, di cogliere il signifiato di ogni parola, sia da sola e sia nel contesto della frase, … per avere un senso compiuto.
    Cercando,poi, di comprendere ogni strofa sia nel significato letterale e sia nei vari altri significati a cui ogni espressione può riferirsi.
    Cercando anche di paragonare “ogni espressione” e “ricondurla” alle varie situazioni concrete e reali della vita umana, vissuta. …
    La nostra vita, talvolta, sembra somigliare, sembra essere assimilata al “migrare” instancabiledell’uccello “migratore”.
    Sembra quasi che i “due destini” di vita siano condivisibili, tanto si somigliano, tanto si uniscono e tanto si identificano …

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.