Chissə ùocchjə

1
1331

Poesia di Giuseppe Merola [1]
tratta dal libro “Poeti Dialettali di Agnone” curato da Domenico Meo[2]

 occhi di ragazza a

Chissə ùocchjə

Ddu štéllə arrubbatə ngìelə
alla nòttə cchjù səròina,
ddu lèmbə də lìucə . . .
e nu səlènziə chìupə
chə fa paìura.
Chissə ùocchjə mó nnə rə védə cchjù,
nə ngacciànə lə vècchjə,
sémbranə ddu təzzìunə
sóttə alla cənóicia.
Štu chéurə vattə suóccə,
e tu ləggìera tə nə vìa
lundanə, lundanə
cóm’e sùonə də cambana
chə sə pèrdə pə l’aria. . .
E nu suspóirə mə èššə darru pìettə.

Quegli occhi

Due stelle rubate in cielo
alla notte più serena,
due lampi di luce. . .
e un silenzio cupo
che fa paura.
Quegli occhi non li vedo più
non sprizzano faville
sembrano due tizzoni
sotto la cinigia.
Questo cuore batte tutto,
e tu leggera te ne vai
lontano, lontano
come suono di campana
che si disperde nell’aria. . .
E un sospiro mi esce dal petto.

______________________________
[1] Giuseppe Merola. Molisano di Agnone, prima emigrante in Sud Africa, poi, dal 1976 tesoriere delle Esattorie Consorziali di Agnone. E in pensione dal 2005. Da circa quaranta anni si occupa di Archeologia. Si dedica a conservare e catalogare documenti d’epoca. Ama studiare i segreti legati agli antichi mestieri.
[2] Domenico Meo. Abruzzese di Castelguidone (CH), ma agnonese di fatto, lavora alla Asrem di Agnone (IS). Si occupa, in termini scientifici, di dialetto, riti, usi e tradizioni popolari. Tanti i suoi libri, su cui giganteggia il Vocabolario della lingua di Agnone. . In questo suo ultimo lavoro Domenico Meo opera per resistere contro il livellamento estremo della globalizzazione, ridando luce e voce alle tante bellissime sfumature del nostro dialetto, attraverso la scoperta o la riscoperta dei nostri Poeti Dialettali. (Il libro è disponibile telefonando allo +39 0865 78647 oppure +39 329 6245907)

Editing: Enzo C. Delli Quadri
Copyright Altosannio Magazine

 

 

 

1 COMMENTO

  1. Gli occhi da sempre e x sempre sono l’espressione dei sentimenti, ma essi e questi – i sentimenti- col tempo si modificano, si trasformano; si comincia con la presbiopia a GUARDARE MEGLIO… LONTANO.
    Però è ben detto dall’autore: come ancor nella cenere restano scintille vive, così anche negli occhi ANZIANI di chi resta s’intravvedono sempre scintille d’amore.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.