C’era una volta … La mietitura

0
2214

Tratto dal Libro di Carlo Fiocca[1],
edito da Neo Edizioni[2] di Castel di Sangro (AQ).

  Il grano era pronto per la mietitura……………………

A Castel di Sangro, in piazza Cannavini, oggi Plebiscito, si radunavano diecine e diecine di mietitori, giovani contadini, che dai Comuni vicini venivano a guadagnarsi la giornata.

Ogni proprietario al mattino presto ingaggiava quelli di cui aveva bisogno e li conduceva a mietere il proprio grano con il falcetto (la sarrecchia).

A mezzogiorno la moglie del proprietario, con un canestro sul capo, pieno di vettovaglie, portava loro da mangiare.

C’era poi il trasporto dei covoni (r’ manuocchje) all’ara, il prato già citato, che era effettuato riempiendo le due grosse ceste fatte di giunchi ed appese ai fianchi di un mulo (la cheja).

Tutti i covoni venivano accumulati secondo uno schema prestabilito a costituire la (reja), una specie di capanna o piccola casa, con tanto di tettoia, perchè i covoni più superficiali erano sistemati in modo da creare lo spiovente, atto a riparare il grano da una eventuale pioggia.

Arrivava la trebbiatrice ed in una nuvola di pula si trebbiava: da una parte usciva il grano benedetto e dall’altra le balle di paglia.

In quel caso il pasto di mezzogiorno si chiamava (ru cacciapaja)


[1]Sono di puro sangue castellano ed ho sempre amato il mio paese di origine. Ho vissuto in esso, affascinato dalla intelligenza e dalla mentalità  aperta dei miei concittadini. Possiamo dirci orgogliosi che i nomi di tanti castellani hanno travalicato i confini nazionali. Oggi Castel di Sangro è una bella cittadina ed io ne ricordo gli aspetti caratteristici di quando era solo paese. Scomparsa la mia generazione, non rimarrà più nulla delle tantissime cose, che avvenivano allora e che ogni giorno costituivano la vita di tutti. A mio avviso la storia di una comunità deve essere conosciuta dai suoi figli. Ho scritto queste pagine unicamente perché rimanga una traccia di come vivevano i nostri padri, perché le future generazioni siano edotte circa le loro origini e ne traggano semmai insegnamento (Carlo Fiocca)
[2]I edizione: agosto 2012 – Neo Edizioni Via Volturno, 2 – 67031 – Castel di Sangro (AQ) – info@neoedizioni.it – ww.neoedizioni.it 

Editing: Enzo C. Delli Quadri
Copyright Altosannio Magazine 

 

 

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.