Home / Cultura / Cultura Popolare

Cultura Popolare

Na Speranze… …pe patreme

Poesia di Antonio Cieri Rondinelle sul Trigno Na Speranze…pe patreme  Abbandunate ‘n cimaa culle lette de la speranze,culle povere vicchieareveve e repenzea le timpe assai luntane:de le terre calle africane,de le gele d’oltralpe !de le spute de la gente duminatoreentre a le gabbie spinate !la spose luntane disperate !le fije …

Read More »

Viaggio per Agnone (Agnéune)

Scritto di Antonella Litterio Viaggio verso Agnone (Foto Iridi Digitali di Agnone) Per mia madre il ritorno al suo paese natio era qualcosa d’indescrivibile, un vero e proprio rito; c’era della religiosità profonda nella preparazione di questo viaggio che coinvolgeva noi figlie. Ci si pensava durante tutto l’anno, ma un …

Read More »

Ru lìbbrə

Questo scritto di Antonio Gerardo Marinelli dice molto di quello che ha ispirato il libro “Tesori dell’Altosannio” Tesori dell’Altosannio Nu libbrə chə addéura d’andòichə, d’allegrojə, bəllezzə, sudàurə e lacrəmə. Addéura də tèrra, də peànə e cumbànatəchə, quandə cə stà. Piurə də feàmə addéura. Scrittə da ciendə miénə chə lə gnostreə fattə chə …

Read More »

La səringa (con traduzione)

Antonio Gerardo Marinelli La səringa Dəpəròitə, assòpra a ru liéttə jettatə stíeànghə. N’gànna mə deulə, mə pongəca gna cə stíssərə na pícca səmíggə e nə pozzə gliottərə.  So le diecə passeatə ,ècchə , e issə, arróiva, ru miédəchə cundòttə chə emə chiameatə pə me, chəmmùa la fròivə tienghə, məàlə all’òssa …

Read More »

Le bottiglie di pomodori

Esther Delli Quadri Ai nostri giorni pochissime famiglie usano ancora preparare in casa il passato di pomodoro.. Io anni fa mi sono dedicata a  questa attivitá ed ho continuato per un po di anni . Il motivo furono delle intolleranze alimentari che la mia, allora , bambina aveva sviluppato con …

Read More »

Il Platano Camillo

Mario Vaccarella Lo ritroviamo lungo le strade di paese. Il Platano, essendo di notevoli dimensioni, è un ottimo albero da ombra, inoltre possiede un portamento elegante, mastodontico, ma al tempo stesso slanciato. Il platano di Camillo è il” mio” albero per eccellenza, ombreggia davanti al “caffè” di Camillo dalla notte …

Read More »

Oro rosso – Capitolo 20

Questo è il ventesimo Capitolo e ultimo della Novella Oro Rosso di Esther Delli Quadri con la quale l’autrice si prefigge di parlarci, com direbbe Ujemuort’,  di: Uomini con mani callose e cuori generosi. Di lavoro duro e sentimenti veri, di vite aspre di gente schiva, di parole parca. Di un tempo …

Read More »

Oro rosso – Capitolo 19

Questo è il diciannovesimo Capitolo della Novella Oro Rosso di Esther Delli Quadri con la quale l’autrice si prefigge di parlarci, com direbbe Ujemuort’,  di: Uomini con mani callose e cuori generosi. Di lavoro duro e sentimenti veri, di vite aspre di gente schiva, di parole parca. Di un tempo passato, …

Read More »

Lo spettacolo dei burattini

Mario Vaccarella Venne un giorno una compagnia di burattini a rappresentare “ La signora Morte e Pulcinella”,  un classico nel mondo dei bambini. Quel giorno ero arrabbiato e tra l’altro avevo dormito poco: la sera prima la mamma mi aveva punito mandandomi a dormire senza cena, avevo preso un “piccio” …

Read More »

Oro rosso – Capitolo 18

Questo è il diciottesimo Capitolo della Novella Oro Rosso di Esther Delli Quadri con la quale l’autrice si prefigge di parlarci, com direbbe Ujemuort’,  di: Uomini con mani callose e cuori generosi. Di lavoro duro e sentimenti veri, di vite aspre di gente schiva, di parole parca. Di un tempo passato, …

Read More »

Quando le carezze ai bambini erano contenute

Marisa Gallo Sotto ombrelloni e palme, sul bagnasciuga o in acqua è frequente vedere e incontrare tanti bambini liberi di “volare” insieme all’aquilone, o giocare a costruire un castello di sabbia: gli adulti, genitori, nonni o babysitter li guardano, li assistono, dando un’occhiata di tanto in tanto allo smartphone; li …

Read More »

Oro rosso – Capitolo 17

Questo è il diciassettesimo Capitolo della Novella Oro Rosso di Esther Delli Quadri con la quale l’autrice si prefigge di parlarci, com direbbe Ujemuort’,  di: Uomini con mani callose e cuori generosi. Di lavoro duro e sentimenti veri, di vite aspre di gente schiva, di parole parca. Di un tempo passato, …

Read More »