Castiglione Messer Marino, in pillole

2
1466

di Paola Giaccio [1]

Castiglione Messer Marino e il Viadotto Sente Longo
Castiglione Messer Marino e il Viadotto Sente Longo

Castiglione Messer Marino (lu Cuaštegliàune in dialetto locale) è un comune italiano di 1.823 abitanti della provincia di Chieti in Abruzzo.
Il borgo fortificato risale al XIV secolo con trasformazioni nel XVIII secolo.
Del nucleo antico vi sono dei reperti lapidei medievali posti sulla facciata della chiesa parrocchiale e sulle case a torre.
Per gli edifici viene usata la pietra di Castiglione. La strada principale è in lastricato realizzato con pietra di fiume, che da Porta di Piedi porta alla piccola chiesa della Congrega. La Casa Salvatore presenta una decorazione a forma di un muratore con una mazzola in mano. Mentre nella parte a strapiombo era sito il castello, invece, presso la chiesa di San Michele Arcangelo era posta la Porta di Sant’Angelo o del Capo.

Castiglione Messer Marino
Castiglione Messer Marino
Castiglione Messer Marino San Michele Arcangelo
Castiglione Messer Marino San Michele Arcangelo
Castiglione Messer Marino in una foto-grafico di A. Troilo
Castiglione Messer Marino in un grafico di A. Troilo

Fangio 5Castiglione è il paese d’origine del padre del famoso pilota di Formula 1 Juan Manuel Fangio, per cinque volte campione del mondo.Il campione di automobilismo, vincitore di 24 Gran premi e di cinque titoli mondiali è di origini castiglionesi.
Fangio si è recato diverse volte a Castiglione e non ha mai smesso di ricordare le sue origini abruzzesi e sottolineare la sua riconoscenza alla forza di sacrificio dimostrata dal nonno e dal padre emigrati in Argentina.

I bambini di Castiglione spesso mettono in risalto lo stato d’isolamento dell’Alto Vastese, dovuto alle frane che interessano costantemente il loro territorio.

Frana in Alto Vastese (Castiglione, Montazzoli, Fraine)
Frana in Alto Vastese (interessati Castiglione, Montazzoli, Fraine)

[1]  Paola Giaccio, Molisana di Agnone, libera professionista, ama profondamente la sua terra d’origine e ad essa dedica tempo e risorse, per divulgarne la bellezza.

Copyright Altosannio Magazine
Editing: Enzo C. Delli Quadri 

2 Commenti

  1. Grazie a Paola Giaccio.
    Io ci sono venuto, a Castiglione, da sei anni e mi ci trovo benissimo.
    Pensi, signora, che da vari punti de lu quarte ammonde molto spesso si vede il mare di Petacciato e non di rado addirittura le isole Tremiti.
    Non le dico l’incanto della visione del mare all’orizzonte quando essa è incorniciata in primavera dal verde smeraldo dei prati e dal giallo oro delle ginestre in fiore sulle balze che circondano il paese oppure, in inverno, dal candore abbagliante del manto nevoso che quelle balze ricopre.
    Per non parlare delle scarpinate che si possono fare lungo i chilometri e chilometri della piste di servizio degli impianti eolici, scoprendo da lì la grande Majella, il mare di Fossacesia etc. etc.
    E, dulcis in fundo, le sagne a lu cutture e altro ….

  2. La divulgazione è molto importante per tutti, specialmente se è chiara ed accessibile. Le notizie storichebe, i reperti e i loro riferimenti, noti forse a tutta la popolazione locale, andrebbero messi maggiormente in evidenza “in loco”, per richiamare l’attenzione anche dell’occhio distratto del visitatore occasionale non sempre attento agli aspetti culturali dei “reperti” che incontra e/o che vede nei diversi ambienti.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here