Casette addò so’ nate

0
2

Poesia di Rodrigo Cieri [1]
tratta dal suo libro “Memoria è Anima” Campobasso 2017.

Casette addò so’ nate

Casette che s’affacce a la marine
addò lu Trigne lasse l’acqua chiare
ch’accojje da muntagne e le culline:
ricurde sempre ‟m pette tenghecare.

Casette che m’à date le natale
e che m’à messe pronte per la vite
‘nsegnénneme per prime a nen fà
male, però a fà lu bene vié tradite!

Casette addò ze štave štrette štrette
ma sempre ere piene de parinte
le iurne de le fešte a San Donate

Casette rennuvate da l’aspette
che m’à cresciute d’anne fine a vinte
e tante de speranze m‟à lassate.

Celenza Sul Trigno

 

Casetta dove sono nato 

Casetta che s’affaccia alla marina
dove il Trigno lascia l’acqua chiara
che accoglie da montagne e da colline:
ricordi sempre in petto porto cari. 

Casetta che m’ha dato i natali
e che mi ha messo pronto per la vita
insegnandomi per prima a non far male
però a fare il bene si è traditi! 

Casetta ove si stava stretti stretti
ma sempre era piena di parenti
i giorni delle feste a San Donato.

Casetta rinnovata nell’aspetto
che m’ha cresciuto fino ad anni venti
e tante di speranze mi ha lasciato.

 

Vasto, 30 gennaio 2010

 


[1] Rodrigo Cieri, abruzzese di Celenza sul Trigno, di madre molisana, una vita dedicata alla Scuola, da docente e poi da Preside, dedito all’impegno sociale e la promozione culturale che porta avanti con testardaggine, in paese e neIl’ Alto Vastese. Coltiva un’antica passione, la pura poesia, in lingua, o più spesso in vernacolo, ottenendo consensi e premi.

Editing: Enzo C. Delli Quadri
Copyright: Altosannio Magazine 

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here