Home / Cultura / Cultura Popolare / Il mondo di Maria: Cartoline di viaggio

Il mondo di Maria: Cartoline di viaggio

Maria Delli Quadri [1]

Agnone e la valle del Verrino
Agnone e la valle del Verrino

Il viaggio Capracotta- Campobasso è stato per anni la mia routine settimanale: di sabato a salire, di domenica pomeriggio a scendere. Ciò ha portato ad una conoscenza approfondita della strada, degli angoli e delle curve, sicché avrei potuto camminare ad occhi chiusi e la macchina avrebbe fatto il suo percorso senza difficoltà.

Monte Capraro

Una qualsiasi domenica: mi lascio alle spalle il paese, Monte Campo, la Maiella, le alture di Roccaraso e vado incontro a monte Capraro con i suoi sbuffi di nebbia, alla galleria verde di Vallesorda, al parco eolico che, stranamente, non offende l’occhio dell’ambientalista, situato com’è sui pianori sconfinati di Monteforte, battuti dal vento e dalle tempeste di neve.

Il pianoro di Monteforte

Arroccato su un’altura appare Vastogirardi, spesso avvolto dalla foschia; in lontananza  le cime delle Mainarde, seghettate e spesso imbiancate, quasi un baluardo a difesa di questo suggestivo angolo di mondo, avvolto nel silenzio e nella solitudine.

Vastogirardi
Il profilo imponente delle Mainarde

La strada prosegue verso Staffoli,un tempo distesa di verde, ora non più, infestata di capannoni, recinti per cavalli e tracciati per rodeo, un ristorante, a 1000 m di altitudine. Siamo scesi parecchio dai 1421 m di Capracotta. L’aria si fa più mite, la strada prosegue: un ruscello! Ma ché: quello è il Trigno, arriverà fino al mare. Corri corri, fiume, l’Adriatico ti aspetta.

La piana di Staffoli
Il fiume Trigno alle sorgenti

Ad una svolta successiva appare un angolo di Svizzera: cosa sarà mai quel  paesino ridente con la faccia rivolta al sole? E’ Carovilli con  la stazione ferroviaria oggi in disuso, perché ramo secco. E chi l’ha seccato? Tra poco anche i nostri piccoli borghi saranno rami secchi e verranno cancellati dalla carta geografica.

Carovilli

La strada prosegue, come l’ansa di un fiume, a sinistra la foresta di Pietrabbondante, poi boschi, prati, qualche casa colonica, un ristorante e via… verso Pescolanciano arroccato intorno al suo castello, ricordo di un tempo felice e prospero. Anche qui si rasenta un ramo secco.

Pescolanciano

Il viaggio si arresta con la visione del monte Totila…

e con la galleria di San Venditto.

Oltre  non andiamo: il nostro Alto Molise si chiude nel suo bozzolo e non vuole contaminazioni. Gli altri non pensano a noi e noi, fieri delle nostre origini,  tentiamo di escluderli per lo meno dalla nostra vista.

 

_______________________
[1] Maria Delli Quadri: Molisana di Agnone (IS), prof.ssa di Lettere, oggi in pensione. Ama la musica, la lettura e l’espressione scritta dei suoi sentimenti. In questa rubrica Maria volge lo sguardo sul mondo almosaviano e nascono pensieri e ricordi.

Copyright Altosannio Magazine
Editing: Flora Delli Quadri 

 

About Maria Delli Quadri

Maria Delli Quadri, Molisana di Agnone (IS), già Prof.ssa di Lettere oggi in pensione. Ama la musica, la lettura e l'espressione scritta dei suoi sentimenti.

Un commento

  1. BELLA e felice descrizione, connotativa, densa di ricordi, che a occhi chiusi,( quasi come poteva andare la macchina della prof Maria)- galoppando ancor più velocemente all’indietro alleviano la fatica della vita –o forse piuttosto il PIACERE? – Allora la Gioventù alleviava fatica e piacere del viaggio tra quei dolci e bei paesi- dolci e graditi come il paesaggio e la cioccolata svizzera! Eh , Eh! qui anch’io mi crogiolo al ricordo di quelle tavolette di cioccolata che mio padre lavorando in Svizzera e tornando a Natale, riportava per me, mia sorella e mio fratello e noi parchi le facevamo durare quasi fino a marzo, quando papà di nuovo ripartiva x la Svizzera!…
    Certo spiace vedere questi bei paesini che forse stanno diventando un po’ dei rami secchi per l’ abbandono dei paesani, divenuti ormai tutti CITTADINI in terre più lontane…Però cara Prof Maria, perché temere le contaminazioni e restare chiusi nella propria FIEREZZA ?“Gli altri non pensano a noi e noi, fieri delle nostre origini, tentiamo di escluderli per lo meno dalla nostra vista”. Queste parole mi sembrano alquanto anacronistiche . E LE CHIEDO SCUSA .

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.