Canti popolari  dell’Altosannio 54-59 – Prosegue il lamento della lontananza

0
512

Canti raccolti da Oreste Conti nel Libro “Letteratura Popolare Capracottese” edito da Luigi Pierro, Napli 1911[1]. Le foto sono state selezionate ed aggiunte da Enzo C. Delli Quadri

Continua la poetica della Lontananza, quella che, al Canto 24, fa dire

24

Partenza dulurosa e vita cara
chissà ddumane a séra addò me trove

Partenza dolorosa e vita cara
chissà domani sera dove mi trovo

 

54

Amore mie, nen me ne fa tante:
so piccerélla e le diche a mamma.

Amore mio, non farmene tante:
sono piccola e lo dico alla mamma

55

E’ notte, è notte e ru sòle è calate,
chi n’ha fatt’ all’amore ze r’ha perdute

E’ notte, è notte e il sole è tramontato,
chi non ha fatto all’amore, lo ha perduto

56

Quanda scié bèlla e nen te pòzze avé:
a cummarella me te vuògli fa

Quanto sei bella e non ti posso avere,
commarella ti foglio fare

57

Sèmp’alla via d’la Puglia tiéng’ a mènte:
quanda vò rretutnà quir care amante!

Sempre alla strada della Puglia ho la mente:
quando vorrà tornare quel caro amante!

58

L’Amore m’ ha dunate quattre cose:
caròfane, cannèlla, gigli ‘e ròse.

L’Amore mi ha donato quattro cose:
Garofani, cannella, gigli e rose.

59

Ru sole mò z’è misse a calature:
L’Amore sta alla chièzza e conta l’ora,
e conta l’ora e conta re menute,
l’Amore sta alla chiazza e me saluta.
Ru sòle mò se misse a capabballe,
l’more sta alla chèzza e iòca a palle.
Ru sòle mò re fa ru gire tunne…..
quant’è fedele l’Amore….e pure te ‘nganna.

Il sole or s’è messo a tramontare:
L’Amore sta alla piazza e conta l’ora,
e conta l’ora e conta i minuti,
l’Amore sta alla piazza e mi saluta.
Il sole or si è messo a testa in giù,
l’Amore sta in piazza e gioca a palla.
Il sole or lo fa, il girotondo…
quanto è fedele l’Amore… eppur ti inganna.

___________________________________________
[1]
Nota dell’autore: per 4 anni, nel breve periodo delle vacanze estive, mi sono recato tutti i giorni nelle nostre remote campagne, a raccogliere i canti dei nostri montanari, or lamentevoli, or dolci, ma che sempre esprimono il sentimento del mistero della vita, la tristezza impenetrabile dell’ amore.
Inoltre l’autore ci ricorda quel che dicevano:
Giosuè Carducci: Voi potreste, o giovani, andar cogliendo in su la bocca del popolo, da provincia a provincia, la parola, il motto, la imagine, il fantasma che è testimonianza alla storia di tanti secoli; …… voi potreste così ricomporre la demopsicologia dell’Italia e dai monti alle valli, cooperante la natura, ritessere per tutto il bel paese la poesia eterna, e non più cantata, del popolo.
Giuseppe Giusti: So che amo il popolo vero e che mi tengo ad onore di battezzare nell’inchiostro i modi che gli nascono vivacissimi sulle labbra, e che molti non ardiscono di raccogliere, come se scottassero.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.