Canti popolari  dell’Altosannio 62,63,64 … la lontananza

0
779

Canti raccolti da Oreste Conti nel Libro “Letteratura Popolare Capracottese” edito da Luigi Pierro, Napli 1911[1].

Continua la poetica della Lontananza.


Canto 62

Férmate, o rundinèlla, agge paciénza,
va da r’Amore mie, alla sua stanza,
vide che fa, che dice e vi che pènsa,
vi che re pare chésta lontananza,
e portaie sta léttera d’amore,
dò pe seggille c’hai puoste ru core.

 

Fermati rondinella, abbi pazienza,
va dall’Amore mio, nella sua stanza,
vedi che fa, che dice e che pensa,
vedi come gli sembra questa lontananza
e portagli questa lettera d’amore,
per sigillo, ci ho messo il cuore.

 

Canto 63

O nennerèlla che spacca ru mare,
férma, te vuogli dì quatte parole:
cavà vlarria na penna alle tue ale,
scrivere vuogli na lettr ‘a l’Amore,
doppe che l’haie scritta e seggillata,
tu, nennerèlla, portal’ a l’Amore.

O rondinella  che vai per mare,
fermati, ti voglio dire quattro parole:
prendere vorrei  una penne delle tue ali
scrivere volio io una lettera all’more,
dopo che l’avrò scritta e sigillata,
tu, rondinella, Portala all’Amore.

 

 Canto 64

Ru munne è tutte quant’arrevéstite…
Che bèlla cosa è mo sta arreterieate,
da nu bicchiére  a na quagliona unite,
da na sciammata viva arrallegrate.
O véveta de vine sapurite,
pe na mès’ora famme tu biiate,
stuzzecame la séte e l’appetite,
beneditte Gesù che t’ha créiate.

 

Il mondo è tutto quanto rivestito
che bella cosa ora questa ritirata
da un bicchiere a una ragazza unito,
a una fiammata viva rallegrato.
Oh bevuta di vino saporito,
per una mezz’ora fammi tu beato,
stuzzicami la sete e l’appetito;
benedetto Gesù che ti ha creata

 

 


____________________________________
[1]
Nota dell’autore: per 4 anni, nel breve periodo delle vacanze estive, mi sono recato tutti i giorni nelle nostre remote campagne, a raccogliere i canti dei nostri montanari, or lamentevoli, or dolci, ma che sempre esprimono il sentimento del mistero della vita, la tristezza impenetrabile dell’ amore.
Inoltre l’autore ci ricorda quel che dicevano:
Giosuè Carducci: Voi potreste, o giovani, andar cogliendo in su la bocca del popolo, da provincia a provincia, la parola, il motto, la imagine, il fantasma che è testimonianza alla storia di tanti secoli; …… voi potreste così ricomporre la demopsicologia dell’Italia e dai monti alle valli, cooperante la natura, ritessere per tutto il bel paese la poesia eterna, e non più cantata, del popolo.
Giuseppe Giusti: So che amo il popolo vero e che mi tengo ad onore di battezzare nell’inchiostro i modi che gli nascono vivacissimi sulle labbra, e che molti non ardiscono di raccogliere, come se scottassero.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.