Canti popolari  dell’Altosannio 49-53 – La lontananza

0
565

Canti raccolti da Oreste Conti nel Libro “Letteratura Popolare Capracottese” edito da Luigi Pierro, Napli 1911[1]. Le foto sono state selezionate ed aggiunte da Enzo C. Delli Quadri

Continua la poetica della Lontananza, quella che, al Canto 24, fa dire

24

Partenza dulurosa e vita cara
chissà ddumane a séra addò me trove

Partenza dolorosa e vita cara
chissà domani sera dove mi trovo

Tenere frasi e dolci lamenti

49

Svegliate da ru suonne, nenchiù durmire;
troppe suonne d’amor t’arrèca danne

Svegliati dal sonno, non dormire più;
troppo sonno d’amor ti arreca danno

50

So’ du le cose che n’iene paragge:
la luna de iénnare e r’ sole de magge.

Sono due le cose che non hanno paragone
la luna di gennaio e il sole di maggio

51

Ru nide miè sta sott’a nu sasse,
chi vè appriésse ame, pèrde le pièsse

Il mio nido sta sotto ad un sasso,
chi viene appresso a me, perde i passi

52

Quant’è bèlla la fémmina alla nuda
Te pare n’angéletta arrécamate

Quant’è bella la donna nuda
Sembra un angelo ricamato

53

Che puòzze avé tante bendeziune
pe quanta mòtte ze scriven’ all’anne

Possa tu avere tante benedizioni
per quanti motti si scrivono in un anno

Michilini, CONTADINO A CAVALLO, 1987, cm.32×35


[1] Nota dell’autore: per 4 anni, nel breve periodo delle vacanze estive, mi sono recato tutti i giorni nelle nostre remote campagne, a raccogliere i canti dei nostri montanari, or lamentevoli, or dolci, ma che sempre esprimono il sentimento del mistero della vita, la tristezza impenetrabile dell’ amore.
Inoltre l’autore ci ricorda quel che dicevano:
Giosuè Carducci: Voi potreste, o giovani, andar cogliendo in su la bocca del popolo, da provincia a provincia, la parola, il motto, la imagine, il fantasma che è testimonianza alla storia di tanti secoli; …… voi potreste così ricomporre la demopsicologia dell’Italia e dai monti alle valli, cooperante la natura, ritessere per tutto il bel paese la poesia eterna, e non più cantata, del popolo.
Giuseppe Giusti: So che amo il popolo vero e che mi tengo ad onore di battezzare nell’inchiostro i modi che gli nascono vivacissimi sulle labbra, e che molti non ardiscono di raccogliere, come se scottassero.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.