Canti popolari  dell’Altosannio 45-48……la lontananza

0
684

 Canti raccolti da Oreste Conti nel Libro “Letteratura Popolare Capracottese” edito da Luigi Pierro, Napli 1911[1]

Continua la poetica della Lontananza, quella che, al Canto 24, fa dire

24

Partenza dulurosa e vita cara
chissà ddumane a séra addò me trove

Partenza dolorosa e vita cara
chissà domani sera dove mi trovo

Tenere frasi e dolci lamenti

45

Scior de péntuccia
viieàte a chi te strégne e a chi t’abbraccia,
viieàte a chi te vacia sa vuccuccia

Fior di “pentuccia”
beato chi ti stringe a chi ti abbraccia
beato chi ti bacia la boccuccia

46

I vuòglie fa na lettera e n’tiénghe carta
n’ tiénghe manche curriére che me la porta

Voglio scriver una lettera ma non ho carta
E non ho neanche un corriere che la consegni

47

Se iéme n’ ziémbra ‘a spasse alla Madònna[2]
paréme tutte e du figli a na mamma

Se andiamo insieme a spasso alla Madonna
sembriamo tutti e due figli di una mamma

48

Ròsa de tre culure forma na chiènta[3]
fat ‘mpazzir’ a chi ve tèn a mènte

Rosa, di tre colori è fatta una “chienta”
fate impazzir chi vi tiene a mente



[1] Nota dell’autore: per 4 anni, nel breve periodo delle vacanze estive, mi sono recato tutti i giorni nelle nostre remote campagne, a raccogliere i canti dei nostri montanari, or lamentevoli, or dolci, ma che sempre esprimono il sentimento del mistero della vita, la tristezza impenetrabile dell’ amore.
Inoltre l’autore ci ricorda quel che dicevano:
Giosuè Carducci: Voi potreste, o giovani, andar cogliendo in su la bocca del popolo, da provincia a provincia, la parola, il motto, la imagine, il fantasma che è testimonianza alla storia di tanti secoli; …… voi potreste così ricomporre la demopsicologia dell’Italia e dai monti alle valli, cooperante la natura, ritessere per tutto il bel paese la poesia eterna, e non più cantata, del popolo.
Giuseppe Giusti: So che amo il popolo vero e che mi tengo ad onore di battezzare nell’inchiostro i modi che gli nascono vivacissimi sulle labbra, e che molti non ardiscono di raccogliere, come se scottassero.

[2] Ad un chilometro dal paese vi è la Cappella della Madonna di Loreto
[3]
Pietra levigata utilizzata per pavimenti o marciapiedi o anche strade.

Editing e foto a cura di  Enzo C. Delli Quadri

 

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.