Canti popolari  dell’Altosannio 17 e 18

0
380

Raccolti da Oreste Conti nel Libro “Letteratura Popolare Capracottese” edito da Luigi Pierro, Napli 1911[1].

 

Canto 17

Mo me ne viénghe bèlla, a passe a passe,
viénghe da te a piglièrte ‘n pussèsse.
Trove la casa apèrta, e me ne trase,
trove la seggetèlla e m’arrepose.
Può ze ne vène r’ padrone de casa:
“Che viè facenne, giglie, tra le rose?

Or me ne vengo bella, passo passo,
vengo da te a prenderti in possesso.
Trovo la casa aperta e me ne entro,
trovo la sediolina e mi riposo.
Poi se ne viene il padrone di casa:
“Che vai facendo, giglio, tra le rose”

 

Canto 18

I tutte quante hai viste mademmane,
suole che l’Amore mie n’hai viste ancora.
R’avisse viste tu, cumpagna cara,
me la sapisse dà la bòna nòva?
– I r’ àie viste alla chésa trascì,
ingénucchieàte all’altare maggiore,
e na parola i’ hai sentuta dì:
– Iutami Die, da ru prim’amore!

Io tutte ho visto stamattina,
solo l’Amore mio non ho visto ancora.
L’avessi vista tu, compagna cara,
me la sapresti dare una buona nuova?
– Io l’ho vista entrare in chiesa,
inginocchiarsi all’altare maggiore,
e una parola ho sentito dire:
Aiutami, Dio, dal primo amore.

 


[1] Nota dell’autore: per 4 anni, nel breve periodo delle vacanze estive, mi sono recato tutti i giorni nelle nostre remote campagne, a raccogliere i canti dei nostri montanari, or lamentevoli, or dolci, ma che sempre esprimono il sentimento del mistero della vita, la tristezza impenetrabile dell’ amore.
Inoltre l’autore ci ricorda quel che dicevano:
Giosuè Carducci: Voi potreste, o giovani, andar cogliendo in su la bocca del popolo, da provincia a provincia, la parola, il motto, la imagine, il fantasma che è testimonianza alla storia di tanti secoli; …… voi potreste così ricomporre la demopsicologia dell’Italia e dai monti alle valli, cooperante la natura, ritessere per tutto il bel paese la poesia eterna, e non più cantata, del popolo.
Giuseppe Giusti: So che amo il popolo vero e che mi tengo ad onore di battezzare nell’inchiostro i modi che gli nascono vivacissimi sulle labbra, e che molti non ardiscono di raccogliere, come se scottassero.

Editing: Enzo C. Delli Quadri
Copyright: Altosannio Magazine

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here