Canti popolari  dell’Altosannio 5-9 di 146: L’amore

3
963

Raccolti da Oreste Conti nel Libro “Letteratura Popolare Capracottese” edito da Luigi Pierro, Napli 1911[1]

 

Premessa ai canti  1-15

Eterno tema prediletto del popolo è l’amore. Da noi, per lo più, il giovine comincia inchiesa a volger lo sguardo alla donna amata, poi la segue alla fontana, e infine, a tarda notte, timidamente, le manifesta la sua passione.
La vergine, intanto, che ha tutto indovinato, dalla camera buia, ascolta, non vista, la serenata.
In ogni parola sale a lei l’immagine del suo adoratore, sin che cessato l’omaggio notturno, che è una rivelazione, i due giovani vanno a dormire, ma per riportare nel sogno il pensiero alla donna amata. Da quella notte, per la prima volta, la fanciulla perde la pace, la passione l’avvolge nelle sue spire, il cuore le vien rapito e crede di sognare ad occhi aperti. Il giorno dopo, qualche compagna compiacente le porta l’attesa ambasciata: l’amore è corrisposto, l’idillio incomincia.

 

Canto 5

Mussigli ‘nzuccerate e arburètte
de tre cose de te so ‘nnammurate:
sa ghieànca canna e su géentile piette
de s’uòcchi nire da r’ cigli ‘annarcate;
tutta la vita téia nen ha defiétte,
palma pe palma t’haie arremerieàta
tu scié zetètella e i so giuvenòtte,
tu pièrde tiempe e i sò désperate

 

“Mussigli ‘zuccherate e arburètte”
di tre cose tue io sono innamorato
codesto bianco collo e codesto gentile petto
di codesti occhi neri dalle ciglia arcuate;
tutta la tua vita non ha difetti,
palmo a palmo ti ho ammirata
tu sei zitella e io son giovanotto,
tu perdi tempo e io son disperato

 

Canto 6

Chisse capiglie che ‘n cape tenéte
déntr’a stu core stieàne arrétrattate;
le perle vu mustrate se redéte,
caccia sciure la vocca se parlate;
Vlarria vedér u vierne che magnieàte
che la stagione tanta bèlla séte,
vu de zuccare e mèle ve cebieàte
l’acca de ru ciéle sérine ve vevéte.

Codesti capelli che in testa avete
dentro a codesto cuore stanno rintanati;
le perle voi mostrate se ridete,
escono fiori dalla bocca se parlate;
Vorrei vedere l’inverno cosa mangiate
che la stagione tanto bella siete,
voi di zucchero e mele vi cibate
l’acqua del ciel sereno voi bevete.

 

Canto 7

Quanda t’affiàcce, o luna a campanèlla,
che stiè ‘nturnieàta de la vita mia,
vlarria vacià chéssa vocca bèlla
vlarria vedé le péne che ce avrìa,
se péne de denieàre o de dulore
o puramente de la vita mia

Quando ti affacci, o luna a campanella,
Che stai abbracciata alla vita mia
vorrei baciar questa bocca bella,
vorrei vedere le pene che avrei,
se pene di denaro o di dolore
o semplicemente della vita mia.

.

Canto 8

Stélla lucente scié de matutina,
ne ‘mpòrta ca ru còr rubate m’hai;
quanda t’affieàcce pieàre na regina
e nòtte e iurne me fai suspirai:
pecché la mamma téia nen te marita?
chi te fa fa sta vita despérata?
La mamma téia n’te marita apposta
pe nen levà ru sciore dalla fenèstra.


Stella  lucente sia di mattina,
non mi importa se m’hai rubato il cuore;
quando ti affacci pari una regina
e notte e giorno mi fai sospirare:
perché la mamma tua non ti fa sposare?
chi ti costringe a far una vita disperata?
La mamma tua non ti fa sposare  apposta
per non toglier un fior dalla finestra

Canto 9

Quanda nascisti tu nacque nu sciore,
la luna se fermò de cammenare,
le stélle se cagnieàrene de culore,
e de culore l’acca de ru mare.
Bella figliòla, piccola e galante,
scié beneditte chi te tène a mènte;
scié beneditte chi te dòrme accante
che chisse scieàte tié ch’è tant’aulènte


Quando nascesti tu, nacque un fiore,
la luna non volle più camminare,
le stelle cambiarono colore,
e di colore l’acqua del mare.
Bella figliola, piccola e galante,
sia benedetto chi ti tiene a mente,
sia benedetto chi ti dorme accanto
che codesto fiato hai tanto “aulente”

 



[1] Nota dell’autore: per 4 anni, nel breve periodo delle vacanze estive, mi sono recato tutti i giorni nelle nostre remote campagne, a raccogliere i canti dei nostri montanari, or lamentevoli, or dolci, ma che sempre esprimono il sentimento del mistero della vita, la tristezza impenetrabile dell’ amore.
Inoltre l’autore ci ricorda quel che dicevano:
Giosuè Carducci: Voi potreste, o giovani, andar cogliendo in su la bocca del popolo, da provincia a provincia, la parola, il motto, la imagine, il fantasma che è testimonianza alla storia di tanti secoli; …… voi potreste così ricomporre la demopsicologia dell’Italia e dai monti alle valli, cooperante la natura, ritessere per tutto il bel paese la poesia eterna, e non più cantata, del popolo.
Giuseppe Giusti: So che amo il popolo vero e che mi tengo ad onore di battezzare nell’inchiostro i modi che gli nascono vivacissimi sulle labbra, e che molti non ardiscono di raccogliere, come se scottassero.

 

3 Commenti

  1. Enzo, interessante! Alcuni canti li conosco, in versione abruzzese o se vuoi in versione “transumanza”. Sarebbe interessante ancora di più conoscere le melodie e confrontarle. Lavoro con tre cori multietnici che cantano melodie popolari regionali e internazionali, mi dai qualche informazione in più? Come avere le melodie? Esistono partiture? CD? Pubblicazioni Cirese a parte? Grazie
    Attilio

    •  I miei più vivi complimenti, caro Attilio, per tutto quanto riesci a fare.
      Purtrppo non posso aiutarti. Io stesso sono alla ricerca di audio che trasmettano quelle melodie, ma senza successo. Se dovessi riuscirci, sarò felice di fartelo sapere.

  2. Sono tutti belli questi canti. In particolare mi ha colpita il n°9 vera poesia. 
    Dalle nostre tradizioni c’è ancora tanto da imparare. Mi piacerebbe poterli anche ascoltare ma ringrazio Oreste, perchè almeno li ho letti 🙂

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.